facebook rss

‘I patti non hanno colore’:
in tanti si ritrovano agli Archi (Foto/Video)

ANCONA – E’ iniziata nel tardo pomeriggio ad Ancona la manifestazione di sensibilizzazione e protesta per le risorse gia' assegnate ma congelate dai Bandi periferie. Soddisfatta il sindaco Valeria Mancinelli: "Sono contenta che la gente ha risposto e questo è solo l'inizio del percorso. Il nostro obiettivo sarà riportare a casa i soldi". Il 4 settembre sarà a Roma con la delegazione Anci
venerdì 31 Agosto 2018 - Ore 19:31
Print Friendly, PDF & Email

E’ iniziata alle 19 la manifestazione di protesta contro la cancellazione del fondi dei Bandi periferie. Molti i partecipanti che si sono ritrovati in piazza del Crocifisso e via Marconi, la zona pedonale sotto gli Archi, dalle facciate illuminate di vari colori.‘I patti non hanno colore’ è infatti lo slogan della serata dedicata ai progetti di riqualificazione, finanziati dallo Stato per 12 milioni di euro, cui si aggiungono 4 milioni di cofinanziamento ma ora in stand by, congelati dopo le ultime decisioni del Senato. Davanti al maxi schermo dove sono scorse le immagini dei progetti, e si sono alternati al microfono i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, di Confersercenti, Confcommercio, Cna e Confartigianato per ribadire come questo blocco dei fondi metta in difficoltà non solo i Comuni ma anche le tante imprese impegnate nei lavori di riqualificazione. Pertanto è stato rinnovato l’invito ai parlamentari marchigiani, “di qualsiasi colore essi siano”, a fare fronte comune per superare l’impasse tecnica che frena la corresponsione delle risorse, per permettere il restyling dei quartieri d’ingresso nord di Ancona. Perchè il prossimo 11 settembre non si trasformi in una data negativa e purtroppo evocativa per la città.

“Avere adesso appalti per opere pubbliche per 16 milioni di euro solo in Ancona era fondamentale – ha detto la sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli – Ancona ha rispettato il contratto stipulato con lo Stato, il Senato della Repubblica no, votando lo scorso 6 agosto un emendamento alla norma che sospende i finanziamenti e li rinvia al 2020. Vedremo se verranno rimessi questi soldi, io non ci credo. Perdere due anni in una situazione come questa significa penalizzare anche anche il lavoro delle aziende. Sono contenta che la gente abbia risposto a questa manifestazione. E’ solo l’inizio di un percorso di sensibilizzazione e di protesta che intendiamo sospendere solo quando l’attuale Governo erogherà i fondi per le periferie sanciti dalla precedente legislatura, pari a 70 milioni di euro per le Marche, di cui 12 destinati ad Ancona”.

Tra i manifestanti anche esponenti di Confindustria, tanti amministratori pubblici, i rappresentanti dei quartieri e tanti semplici cittadini. Il proposito di risolvere il problema è stato ribadito anche dall’on. Carlo Ciccioli (FdI), presente tra il pubblico di piazza del Crocefisso e sulla stessa lunghezza d’onda con la sindaca democrat di Ancona. “E’ la prima volta che mi trovo davanti ad una cosa inspiegabile. – ha commentato- Spero che riparino perché tra l’altro sono stati cassati dai fondi anche a 48 Comuni a governo Lega. E’ un dispetto al territorio e forse non se ne sono resi conto. Persino il Pd che è all’opposizione ha votato a favore per la soppressione dei fondi. E questo è sconcertante. Ora il 4 ci sarà la commissione per presentare gli emendamenti, poi il testo dovrebbe andare in aula l 11 settembre. Tanti Comuni non hanno fondi per far fronte al degrado delle periferie e questi finanziamenti sono importanti”. Intanto il prossimo 4 settembre Valeria Mancinelli con altri colleghi italiani farà parte della delegazione dell’Anci che andrà a Roma per essere ascoltata dalla Commissione bilancio della Camera. Poi l’11 settembre inizierà la discussione a Montecitorio.

Nella zona pedonale degli Archi, in varie postazioni, erano presenti anche musicisti con piccole formazioni : Amedeo Grifoni con un duo chitarra e percussioni, Alex Andreoni, chitarra e armonica, Nicola Principi con un duo violino e tastiera, i Moody’s groove con al cantante Alessandra Pasquini, Mattia Bonaventura con un duo chitarra e tastiera e alcuni studenti musicisti del liceo Rinaldini. Aperti i locali per aperitivi e cena all’aperto. (GUARDA IL VIDEO)

(servizio aggiornato alle 21.15)

(foto e video  Giusy Marinelli)

 

 

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X