facebook rss

Addio alla professoressa Paola Zannotti,
stroncata dalla malattia a 57 anni

LUTTO - Si è spenta questa mattina all'ospedale regionale di Torrette. Insegnava alll'IIS Marconi Pieralisi di Jesi. Il dirigente: «Sono estremamente addolorato per la scomparsa di una donna ed una professionista esemplare, generosa, corretta, competente e attaccata al lavoro in modo straordinario»
Print Friendly, PDF & Email

La professoressa Paola Zannotti

 

di Talita Frezzi

Viveva per i suoi studenti, per gli altri a cui ha dedicato tutta la sua vita. Una grande lezione di umanità e solidarietà quella di Paola Zannotti, professoressa di italiano e storia all’IIS Marconi Pieralisi di Jesi di cui era anche vice responsabile del plesso insieme alla docente Mosca. Si è spenta a 57 anni, questa mattina all’ospedale regionale di Torrette dove era ricoverata. Combatteva da due anni contro un male che non le ha lasciato scampo, gettando nel dolore tutti quelli che la conoscevano. Una donna di grande generosità, sensibilità che amava profondamente il suo lavoro, i suoi studenti, la scuola come istituzione educativa. Ha fondato la Caritas di Maiolati Spontini e abitava a Maiolati con l’anziana mamma malata, cui si dedicava facendole all’assistenza. Lo ha fatto finché le forze glielo hanno permesso. La notizia della sua scomparsa getta nel dolore i colleghi del Marconi-Pieralisi, informati subito della tragedia dalla famiglia. «Paola ha combattuto con coraggio e dignità una dura lotta contro una terribile malattia – dice  il dirigente scolastico ingegner Corrado Marri in una circolare interna – sono estremamente addolorato per la scomparsa di una donna ed una professionista esemplare, generosa, corretta, competente e attaccata al lavoro in modo straordinario. L’ho avuta come stretta collaboratrice sin dall’inizio del mio mandato a Jesi e mi ricordo, come fosse ieri, il nostro primo incontro avvenuto a settembre 2016. Con la sua dolcezza e determinazione, mi chiese di poter continuare a seguire l’ufficio di vice-dirigenza del Marconi, in collaborazione con la professoressa Mosca, consapevole che avrebbe dovuto adattarsi ad uno stile di conduzione diverso dal passato e disponibile ai cambiamenti, senza nessuna preclusione. Paola metteva davanti a tutto il bene istituzionale e passava sopra a qualsiasi interesse di tipo personale. Studenti, colleghi e ATA hanno sempre espresso stima e ammirazione nei suoi confronti e questa è sempre stata la sua migliore medicina. Esprimo a nome dell’intero istituto, in questo tristissimo momento, le condoglianze più sentite alla sua famiglia e a tutti coloro che le hanno voluto bene. Ciao Paola, grazie per essermi stata vicina, ci mancherai tanto». Tante le manifestazioni di vicinanza da parte di amici e conoscenti anche sui social. La camera ardente sarà allestita domani pomeriggio alle 15 nell’obitorio dell’ospedale di Cupramontana, mentre i funerali saranno celebrati secondo tutte le disposizioni sanitarie nazionali, lunedì alle 10,30 alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Maiolati Spontini. La piangono la mamma Liliana, il fratello Franco con Francesca e Alessandro e Stefano con Stefania.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X