facebook rss

Tante opere strategiche nel biennio
per far crescere e migliorare la città

OSIMO - Il nuovo piano degli investimenti 2021-2022 sarà discusso oggi pomeriggio in Consiglio comunale: «Abbiamo pianificato gli obiettivi di mandato con investimenti di oltre 20 milioni di euro» spiega il sindaco Pugnaloni
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Torna a riunirsi oggi, 30 novembre, in videoconferenza il Consiglio comunale di Osimo. Il presidente Giorgio Campanari ha convocato la seduta per le 18.30 e gli i punti all’ordine del giorno, oltre alla discussione di mozioni e interrogazioni, è prevista l’approvazione del Bilancio Consolidato 2019 del Comune di Osimo, l’approvazione del Bilancio del Conto Consuntivo 2019 della Asso, la variazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2020/2022; del Piano Triennale delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari 2020/2022 e la salvaguardia degli Equilibri di Bilancio 2020/2022 con variazione di bilancio e conseguente aggiornamento Dup 2020/2022. Il dibattito si incentrerà anche sulla modifica dello statuto della società partecipata “Tpl Osimo” che fissa il termine di dismissione della srl a dicembre 2020, una scadenza che verrà prorogata di un anno, al 31 dicembre 2021. «Il piano degli investimenti è davvero ambizioso – lo definisce il sindaco Simone Pugnaloni – lo andremo a discutere oggi in Consiglio comunale con l’assestamento di bilancio. La Giunta e la maggioranza di governo per il bienno 2021-2022 vi hanno pianificato gli obiettivi strategici di mandato. Tante opere pubbliche, una per ogni grande settore di attività, che saranno finanziate con l’accensione di nuovi mutui». Un piano da quasi 29 milioni di euro complessivi grazie all’accensione di nuovi mutui, agli introiti degli oneri di urbanizzazione e ai contributi regionali, da realizzare nei 5 anni di mandato amministrativo. Il programma del 2021 prevede la realizzazione della nuova scuola primaria di Campocavallo (2 milioni), ristrutturazione dell’ex tribunale al San Carlo (un milione), acquisto locali per la nuova biblioteca (un milione), restyling dei Tre Archi (400mila euro), piste ciclabili a Vescovara e Passatempo (650mila euro), campo di calcio a 8 a Passatempo (200mila euro), restyling spogliatoi Junior Tennis (300mila), Palascherma (2 milioni), restyling ultimo piano maxi parcheggio (500mila), nuove spycam (60mila), e nuovi colombari nei cimiteri di San Giovanni, San Biagio e Maggiore.

Il sindaco Simone Pugnaloni

Tra le opere incluse nel programma del 2022 ci sono la realizzazione la realizzazione della nuova biblioteca (2milioni), sistemazione dei parchi ex campetto dei frati (700mila) e Foro Boario (300mila), bypass Abbadia (650mila) e la strada via Montegalluccio-via Romero a San Biagio (250mila).A tutto questo si aggiungono gli interventi di manutenzione stradale e dei marciapiedi. «Nel biennio investiremo circa 15 milioni di euro. – aggiunge il sindaco – Ad un mese da fine 2020 orgoglioso di comunicarvi di aver impegnato tutti gli oneri di urbanizzazione previsti e 1.5 milioni di avanzo in tante piccole opere per il territorio come la nuova sede della Polizia locale in centro storico, individuazione dei locali per l’ufficio protocollo, il restyling mercato coperto, opere accessorie al campo Santilli e tante altre. Non dimentichiamo poi tutti i finanziamenti regionali che sono giunti nelle casse comunali e che vedranno partire i lavori nel corso del 2021: 3,1 milioni per la variante a nord a San Biagio, 3 milioni restyling Palazzo Comunale ed Ex Eca, 650mila euro per la Ciclovia Musone, 350mila per il ridotto della Nuova Fenice, 400mila per l’auditorium all’ex cinema e 500mila per il Museo del Covo. Entro Natale poi si avviera’ la gara del tratto di strada della nuova Variante a nord che collegherà Via Jesi al Mc Neil e comincerà l’iter verso la realizzazione della nuova scuola media a Santa Lucia da parte di Erap con annessa palestra e posti auto per residenti. Insomma in questi 5 anni un piano investimenti da 20 milioni di euro. Un dono grande per il futuro della nostra città».



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X