facebook rss

Comunali, scintille Ascani-Circelli
sul raddoppio della scala mobile

CASTELFIDARDO - Il sindaco uscente candidato di M5S-‘Castelfidardo Futura’ e il capolista di ‘Uniti e Attivi’ della coalizione di centrosinistra si pungono sulla proposta progettuale per migliorare la sicurezza del collegamento tra piazzale Michelangelo e Porta Marina
Print Friendly, PDF & Email

La scala mobile
che collega piazzale Michelangelo a Porta Marina a Castelfidardo

 

«Pensavo ad uno scherzo, invece è tutto vero. Hanno proposto un’ulteriore barriera architettonica. Non bastava una scala che non consente l’accesso ai disabili o con passeggino, se ne vogliono due, giustamente una per direzione di marcia. Geniale… O forse è la provocazione dell’artista?»

Il post del sindaco uscente di Castelfidardo Roberto Ascani candidato per il secondo mandato con M5S e ‘Castelfidardo Futura’

Con un post pubblicato sui social media il sindaco uscente di Castelfidardo, Roberto Ascani, candidato dal M5S e da ‘Castelfidardo Futura’ per il secondo mandato amministrativo, ha messo il pepe sulla campagna elettorale per le Comunali di ottobre. Ha criticato tout court il raddoppio della scala mobile che collega piazzale Michelangelo a Porta Marina (entrata in funzione nel 2013 e nel tempo bloccata per diversi, costosi guasti), proposto come soluzione progettuale per migliorarne la sicurezza da ‘Uniti e Attivi’, lista della coalizione avversaria di centro sinistra che sostiene nella corsa a palazzo comunale Marco Tiranti. In precedenza Uniti e Attivi per Castelfidardo capeggiata da Giacomo Circelli aveva accusato la giunta uscente di aver avviato molti lavori in città solo a fine mandato e per scopi elettorali. Dopo l’ufficializzazione della candidatura bis, tenuta a battesimo nel tardo pomeriggio di domenica alle Officine Soprani dalla sottosegretaria del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Rossella Accoto, con un nutrito gruppo di parlamentari pentatstellati marchigiani, dai senatori Giorgio Fede e Sergio Romagnoli, ai deputati Patrizia Terzoni, Roberto Rossini, Mirella Emiliozzi, e con le consigliere regionali 5 Stelle Simona Lupini e Marta Ruggeri, Roberto Ascani, 44 anni, si è già rimboccato le maniche entrando nell’agone elettorale con l’intenzione di restare al timone della città della fisarmonica e di portare a termine tutti i progetti avviati nell’ultimo quinquennio a partire dal completamento dei progetti di edilizia scolastica. Il suo primo messaggio elettorale veicolato sui social network  è stato, però, letto come «una vera e propria dichiarazione di guerra» dalla lista dell’architetto Circelli.

La proposta di Uniti e Attivi per ottimizzare il funzionamento della scala mobile e renderla più sicura

«Siamo abituati ormai da tempo, alle sparate del Movimento 5 Stelle. Basta vedere come stanno andando le cose a Roma devastata dall’incuria di un governo cittadino inadeguato. Sembra che l’inadeguatezza sia il filo conduttore che unisce le varie Giunte “grilline”, visto che Castelfidardo soffre tantissimo proprio dell’incapacità di chi la governa. – si legge in un comunicato di Uniti e Attivi – Ascani parla di ottimi risultati? Ci vuole coraggio, visto il degrado in cui versa la città». E sulla questione la lista in quota centrosinistra annuncia per i prossimi giorni un reportage fotografico sul parco del Monumento. Quanto «all’attacco alla nostra proposta del raddoppio della scala mobile, abbiamo molto da dire. – prosegue la nota di Uniti e Attivi – Lo ha detto ai cittadini che la scala mobile non è sorvegliata da un operatore in grado di arrestarla, neanche da remoto in caso di caduta od incidente? La scala mobile è stata abbandonata a se stessa, con enorme pericolo per gli utenti. Bisognerebbe sapere che quando esiste un bene, “pagato dai cittadini”, dovremmo averne massima cura e cercare di farlo funzionare nel migliore dei modi. Si chiama efficienza. Strano modo di avere attenzione per le persone con disabilità. Basta fare un giretto per la città per rendersi conto che è in totale dissesto, marciapiedi impraticabili, e barriere architettoniche quasi ovunque».

Il post di replica del candidato sindaco Marco Tiranti (Pd)

Per Giacomo Circelli, è arrivato anche l’endorsement del candidato sindaco Marco Tiranti (Pd). «L’amministrazione comunale si diletta questi giorni a commentare ed attaccare le nostre proposte, come quella della riparazione della scala mobile che aiuta la salita e la discesa verso Porta Marina. – esordisce il candidato del centro sinistra castellano – Come sempre, ascoltiamo tutti, ricordando che la nostra coalizione prima di scadere nella controversia politica rimane salda a livello di proposte: il progetto della scala mobile è stata un’iniziativa lasciata a metà, possiamo risolvere il problema della salita e della discesa verso Porta marina con ascensori, impianti di risalita ecc. proponendo alla cittadinanza diverse idee opportunamente valutate secondo il nostro piano economico che in ogni caso condivideremo con i cittadini, e ricordando ai fidardensi che questo tema negli ultimi cinque anni è stato eclissato e dimenticato, lasciando nella nostra città tutto fermo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X