facebook rss

Nuovo Inrca, aggiornato
l’accordo di programma
tra Regione, Provincia e Comune

CAMERANO - L'atto è stato firmato a fine ottobre e tiene conto delle modifiche apportate al progetto dell’opera alla luce nelle più recenti normative antincendio e anti-Covid e della conseguente maggiorazione dei costi
Print Friendly, PDF & Email

Il cantiere del nuovo Inrca di Camerano

 

Nuovo Inrca di Camerano, a fine ottobre è stato aggiornato l’accordo di programma tra Regione Marche, Provincia di Ancona e Comune di Camerano sottoscritto in precedenza nel 2011. Il nuovo ospedale è destinato a incorporare gli attuali reparti dell’Inrca della Montagnola di Ancona e quello del presidio ospedaliero Ss. Benvenuto e Rocco di Osimo. Gli stop&go che hanno accompagnato in questi anni la vita del cantiere del’Aspio per varie vicissitudini, i cambi di ditte appaltatrici ed il necessario aggiornamento progettuale dell’opera (datata 2008) alla luce nelle nuove normative antincendio e anti-Covid, nell’iter hanno imposto anche una nuova stipula dell’accordo tra gli enti coinvolti nell’intervento. L’atto è stato siglato dall’assessore regionale Francesco Baldelli (su autorizzazione del governatore delle Marche Francesco Acquaroli), dal presidente della Provincia Daniele Carnevali e dal sindaco di Camerano, Oriano Mercante. La perizia di variante, in corso d’opera, ha comportato una modifica anche ai costi del complesso ospedaliero dai 79.500.000 euro iniziali a 110.972.250 euro (dei quali 4,2 milioni di euro arrivano dai finanziamenti Fsc per realizzare la nuova viabilità a servizio della zona)

Secondo il nuovo accordo di programma, la Regione Marche si impegna «a realizzare, con spese a proprio carico, tutti i livelli della progettazione della nuova struttura ospedaliera, delle opere di adeguamento della viabilità e quelle di sistemazione idraulica esterne al lotto necessarie a rendere funzionale la struttura sanitaria; a svolgere la funzione di stazione appaltante e a concorrere alla spesa relativa fino alla quota necessaria al completamento delle opere di cui al progetto originario, così come integrato e modificato dagli elaborati allegati al presente accordo». La Provincia di Ancona invece dovrà «adottare gli atti e compiere tutte le attività necessarie a garantire la rapidità e snellezza delle attività amministrative rientranti nella propria competenza; svolgere la funzione di stazione appaltante e a provvedere alla spesa necessaria per la realizzazione del sovrappasso pedonale sulla Sp 2 “Sirolo-Senigallia” fino alla concorrenza massima di 900.000 euro». Infine il Comune di Camerano si impegna «a rilasciare celermente tutte le necessarie autorizzazioni finalizzate alla realizzazione della nuova struttura ospedaliera; a svolgere la funzione di stazione appaltante e a provvedere alla spesa necessaria per la realizzazione dei percorsi pedonali lungo via Farfisa (collegamento stazione ferroviaria-passerella pedonale su strada provinciale) per l’importo complessivo di 150.000 euro».

 

Quale futuro per l’Inrca della Montagnola? «Può diventare un polo per gli anziani»

Rotatoria davanti al Cargo Pier: approvato lo studio di fattibilità

Ospedali, cinque domande per chiarire il piano della Regione

La Regione investe 923 milioni sulla sanità: risorse aggiuntive per i nuovi Salesi e Inrca «Rimettiamo al centro tutti i territori»

Fondo prevenzione del rischio sismico: «Destinati 6 milioni al nuovo Inrca e all’ospedale di Fermo»

Nuovo Inrca, il progetto alla revisione: tra reparti a prova di pandemia e attenzione alla mobilità sostenibile

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X