facebook rss

Il 2018 anconetano in 12 foto

UN ANNO DA IMMORTALARE - Le immagini simbolo da gennaio a dicembre. E gli articoli più letti
Print Friendly, PDF & Email

Un anno che se ne va, il 2018, che archivia progetti e rimpianti ma che mantiene vivo il ricordo di chi non c’è più. Un anno che arriva, il 2019, aperto alle speranze migliori. Nei dodici mesi appena trascorsi abbiamo raccontato la cronaca, a volte cruenta, a volte ricca di buoni sentimenti, di quello che è accaduto nella nostra provincia e vogliamo ripercorrere i fatti insieme a voi lettori attraverso alcune immagini-simbolo.

(foto Giusy Marinelli)

GENNAIO

Il 4 gennaio 2018, Besart Imeri soffoca in auto il figlio di appena 5 anni. L’omicidio del piccolo Hamid avvenuto a Cupramontana ha scosso le coscienze. Il 15 ottobre il 26enne macedone sarà condannato dal Gup di Ancona con rito abbreviato a 12 anni di reclusione con il riconoscimento della seminfermità mentale

 

FEBBRAIO

Il vento siberiano di Burian, il 26 febbraio, comincia a soffiare su Ancona e provincia portando un manto soffice di neve ma anche tanti disagi: scuole chiuse per giorni, viabilità caotica e servizi a singhiozzo

 

MARZO

Fatema, la madre di Cameyi Mosammet con la foto della figlia scomparsa. Il caso viene risolto nel mese di marzo, a 9 anni dalla sparizione da Ancona della studentessa 15enne di origine bengalese. Le sue ossa vengono rivendute insieme ad altri resti umani nel pozzo dell’orrore all’Hotel House di Porto Recanati

 

APRILE

L’11 aprile da serbatorio dell’Api di Falconara Marittima si solleva una “nuvola” di esalazioni e cattivi odori avvertiti dalla popolazione fino a Senigallia. Tra sopralluoghi dell’Arpam, controlli dei carabinieri ed esposti, inizia la protesta  dei comitati

 

MAGGIO

Il 16 maggio: in una grande festa dello sport, il britannico Simon Yates taglia il traguardo della tappa Assisi-Osimo del Giro d’Italia

 

GIUGNO

Il 13 giugno la Squadra Mobile di Ancona arresta Claudio Pinti, 35enne di Agugliano che da 9 anni aveva contratto il virus dell’Hiv. L’uomo è accusato di lesioni personali gravissime per aver contagiato centinaia di persone con le quali avrebbe consumato rapporti sessuali non protetti e di omicidio volontario per aver infettato l’ex compagna poi deceduta. Il 6 dicembre il Gip ha accolto la richiesta del giudizio abbreviato. L’udienza di discussione è fissata per il prossimo 17 gennaio. Nel frattempo le parti civili hanno depositato la richiesta di un maxi risarcimento da 7 milioni e mezzo di euro

 

LUGLIO

Il 17 luglio, Chiaravalle è ferita dal brutale omicidio della pensionata Emma Grilli, 85 anni, sgozzata nella sua abitazione di via Verdi con 11 coltellate. Il 31 luglio, il presunto assassino arrestato in custodia cautelare, il 57enne Maurizio Marinangeli, ha scelto di non rispondere alle domande del Gip durante l’interrogatorio di garanzia. Secondo la Procura avrebbe rapinato la vittima per pagare debiti di gioco

 

AGOSTO

Il 13 agosto, scompaiono nello specchio di mare davanti alla scogliera di Torrette di Ancona John Oseghale e Kennedy Isodohemen, due migranti di 25 e 20 anni di origine nigeriana accolti come richiedenti asilo in una struttura di Senigallia. I loro corpi saranno ritrovati dopo due giorni e lunghe ricerche per scandagliare i fondali che hanno impegnato anche la Capitaneria di Porto

 

SETTEMBRE

Il 1 settembre una bomba d’acqua cade su Jesi. Viene allagato  il Pronto soccorso dell’ospedale ‘Carlo Urbani’, cede un muretto di contenimento in via Roma e mezzo metro d’acqua piovana  confluisce nel park Mercantini. La città di Federico II si ferma per contare i danni

 

OTTOBRE

11 ottobre, scintille in casa Pd per il congresso regionale di partito. Il sindaco Valeria Mancinelli, riconfermata per il secondo mandato alla guida di Ancona nel ballottaggio di giugno, si lancia in un confronto al vetriolo con l’assessore regionale Angelo Sciapichetti ed altri esponenti democrat. A dicembre Giovanni Gostoli sarà eletto nuovo segretario del Pd delle Marche

 

NOVEMBRE

Crac Banca Marche, il 13 novembre il Gup di Ancona rinvia a giudizio, con accuse a vario titolo, 13 persone: oltre all’ex dg Massimo Bianconi, anche Michele Ambrosini, Lauro Costa e Giuliano Bianchi. Assolto invece il collegio sindacale. Fuori dal palazzo di giustizia ribolle il malumore dei risparmiatori

 

DICEMBRE

La tragedia nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo si consuma nella notte tra il 7 e l’8 dicembre. Qualcuno spruzza spray urticante in pista e nel fuggi-fuggi generale per guadagnarsi l’uscita trovano la morte cinque adolescenti e una mamma di 39 anni mentre restano  ferite altre 80 persone. Si trovavano tutti nel locale per ascoltare il concerto del trapper Sfera Ebbasta.  All’indomani di questa strage la città di Santa Maria Goretti ha voluto ricordare con una fiaccolata le vittime: Mattia Orlandi, 15 anni di Frontone; Daniele Pongetti, 16 ed la 14enne Emma Fabini entrambi di Senigallia; la 14enne Asia Nasoni di Mondolfo; la 15enne Benedetta Vitali di Fano ed Eleonora Girolimini, la mamma 39enne di Senigallia, morta per salvare la figlia. Sono due i fascicoli aperti nell’inchiesta giudiziaria: quello per omicidio preterintenzionale plurimo, reato ipotizzato dalla Procura dei minorenni e quello per omicidio colposo plurimo tratteggiato dalla Procura di Ancona.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DEL 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X