facebook rss

Al primo consiglio comunale
entrano le ‘riserve’

OSIMO - La seduta d'esordio convocata per martedì sera rivoluziona la composizione della Sala Gialla dopo le nomine in giunta e le lettere di dimissioni degli eletti 'titolari' che entreranno nei consigli di amministrazione delle società partecipate. La presiederà Giorgio Campanari, consigliere anziano e candidato a ricoprire la seconda carica istituzionale del Comune
Print Friendly, PDF & Email

La Sala Gialla di Osimo

Giorgio Campanari (Pd), il consigliere anziano in corsa per diventare presidente del consiglio comunale di Osimo

 

Come annunciato, la prima seduta del nuovo consiglio comunale di Osimo è stata ufficialmente convocata stamattina dal sindaco per martedì sera, 25 Giugno alle ore 21. Sarà presieduta da Giorgio Campanari come consigliere anziano (quello che ha ottenuto più voti) e non più da Paola Andreoni. Tra i primi atti l’assise civica dovrà infatti procedere alla nomina dei capigruppo, alla convalida degli eletti e alle surroghe di 4 consiglieri già dimissionari e a quelle di chi è stato nominato assessore in giunta. In maggioranza hanno già ufficializzato con lettera la volontà di non sedersi nella Sala Gialla Fabio Marchetti e Laura Cionco (entrambi Pd), perchè intenzionati a restare alla guida rispettivamente di Astea spa e Fondazione Bambozzi, sostituiti da Diego Gallina Fiorini e Matteo Canapa ma anche Cristina Foglia (Popolari Uniti per Osimo) e Jacopo Angeletti (Energia Nuova) hanno rassegnato le dimissioni perchè destinati ad entrare come componenti in un cda della società partecipate. Al loro posto siederanno nella Sala Gialla i primi dei non eletti nelle liste di riferimento che sono nell’ordine  Giorgio Maria Brandoni e Daniele Vignoni. Dall’elenco dei consiglieri convalidati dalla Commissione elettorale centrale vanno inoltre cancellati i neo assessori Paola Andreoni, Mauro Pellegrini e Flavio Cardinali per il Pd, (surrogati con i democrat Massimo Luna, Renata Maggiori e Filippo Invernizzi), l’assessore Alex Andreoli e poi Federica Gatto e Annalisa Pagliarecci per Energia Nuova sostituite con Marco Balestrieri e Michele Feliciani. L’assessore Michela Glorio sarà sostituita nel seggio consiliare con Stefano Agostinelli.

La nuova giunta di Osimo, da sin. Michela Glorio, Paola Andreoni, Simone Pugnaloni, Flavio Cardinali, Annalisa Pagliarecci, Federica Gatto e Alex Andreoli

ECCO IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE DOPO I PRIMI AVVICENDAMENTI – Salvo nuovi avvicendamenti per nomine nelle società partecipate, la nuova Sala Gialla sarà così composta: in maggioranza 9 consiglieri del Pd: Giorgio Campanari, Frida Paolella, Daniele Bernardini, Eliana Flamini, Diego Gallina Fiorini, Matteo Canapa, Massimo Luna, Renata Maggiori e Filippo Invernizzi; 3 consiglieri di Energia Nuova: Marco Balestrieri, Michele Feliciani, Daniele Vignoni; 1 consigliere di Ecologia e Futuro: Stefano Agostinelli; 1 consigliere di Popolari Uniti per Osimo: Giorgio Maria Brandoni e 1 consigliere di OsiAmo: Filippo Rossi (52). Siederanno invece sui banchi di minoranza 2 consiglieri di Patto Sociale: Graziano Palazzini, Stefano Simoncini, 2 consiglieri di Su La Testa: Dino Latini (candidato sindaco), Monica Bordoni, 1 consigliere di Uniti per Latini: Lorenzo Bottegoni, 1 consigliere di Noi Azzurri: Mario Araco, 1 consigliere di Progetto Osimo: Achille Ginnetti (candidato sindaco), 1 consigliere del M5S: David Monticelli (candidati sindaco) e 1 consigliere della Lega: Alberto Maria Alessandrini (candidato sindaco). Gli ultimi tre consiglieri di minoranza non potranno costituire gruppi monoconsiliari perché il regolamento osimano prevede che servano almeno 2 consiglieri per costituire un gruppo. Potranno però entrare nel Gruppo Misto nominando un proprio capogruppo. Nella stessa situazione si trovano in maggioranza i consiglieri singoli di Ecologia e Futuro, Popolari Uniti per Osimo e OsiAmo che potranno unirsi tutti e tre in una sorta di Gruppo Misto o potranno optare di entrare nel Pd o in Energia Nuova, gli altri gruppi della coalizione di governo in regola per mantenere invece il proprio simbolo.

La Sala Gialla, l’aula consiliare di Osimo

MAGGIORANZA QUALIFICATA PER ELEGGERE IL PRESIDENTE – Definita la mappa del consiglio comunale, martedì sera seguirà il giuramento solenne del sindaco dinnanzi all’assemblea e il suo intervento riassuntivo delle linee programmatiche amministrative con l’annuncio della composizione della giunta e relative deleghe. Poi si passerà all’elezione del presidente (spettante alla maggioranza) e del vice (destinato alle minoranze) del parlamentino cittadino. In corsa per vestire i panni della seconda carica istituzionale del Comune c’è Giorgio Campanari (Pd). Se il nome prescelto non otterrà però la maggioranza qualificata dei due terzi dei consensi, la seduta sarà aggiornata dopo una settimana quando basterà la maggioranza assoluta. Nominato il presidente si passerà ad eleggere la Commissione Elettorale Comunale, quindi si definiranno gli indirizzi per la nomina, la revoca e per la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni. Prima di chiudere la seduta, è prevista l’elezione dei membri delle commissioni consiliari. Alla vigilia di questo importante appuntamento istituzionale, il sindaco Simone Pugnaloni ha dato appuntamento per domenica sera ai suoi invitati a Villa Gentiloni, a Filottrano per festeggiare la vittoria elettorale con un aperitivo cena dalle 20 alle 23, animato da intrattenimento musicale.

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X