facebook rss

Il Partito Democratico festeggia
e rinnova la fiducia
al sindaco Simone Pugnaloni

IL DOPO VOTO - Al termine della lunga notte dello scrutinio elettorale che ha incoronato di nuovo il primo cittadino uscente di Osimo, i dem ringraziano gli elettori e garantiscono impegno per portare a termine i progetti avviati per la città
Print Friendly, PDF & Email

Simone Pugnaloni alza i calici con i suoi sostenitori durante la festa improvvisata in piazza dopo il risultato delle urne

Il dem Mauro Pellegrini abbraccia felice i supporter

 

«Grazie agli 8440 osimani che hanno scelto di votare per Simone Pugnaloni, riconfermandolo Sindaco della città per il secondo mandato consecutivo. Il responso della urne è chiaro: nonostante una campagna elettorale incessante e martellante da parte del candidato avversario, gli elettori di Osimo hanno deciso di premiare l’impegno, la serietà e la trasparenza dell’ Amministrazione Comunale uscente». Il partito democratico di Osimo rinnova la fiducia a Simone Pugnaloni che stanotte è stato riconfermato alla guida della città con una scarto di 150 preferenze rispetto al competitor Dino Latini (Liste civiche).«Ringraziamo davvero di cuore i cittadini osimani che ci hanno confermato la propria fiducia: per loro e per tutta Osimo dovremo ora proseguire sul percorso intrapreso, dando nuovo impulso alla città e portando avanti i tanti progetti avviati.- prosegue la nota stampa dei dem – Il Partito Democratico di Osimo sosterrà con impegno e responsabilità l’Amministrazione Pugnaloni per i prossimi 5 anni di governo della città, come già fatto nel precedente mandato, continuando a garantire maggiori servizi ai cittadini, con scelte coraggiose per il futuro della nostra città». Secondo le proiezioni ancora ufficiose, i democrat hanno anche fatto incetta di seggi consiliari. Entreranno nella Sala Gialla con 9 consiglieri comunali rispetto ai 15 che spettano alla maggioranza.

(foto Giusy Marinelli)

Il sindaco Pugnaloni: «Il bene vince sul male», Latini: «Ho dato il massimo» (Foto/Video)

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X