facebook rss

Aggiornato il piano di emergenza
della raffineria: recepisce la direttiva Ue

FALCONARA - Il prefetto Antonio D'Acunto ha firmato ieri il decreto sulle risultanze dello studio elaborato da un Gruppo di lavoro di esperti. Il Comune organizzerà iniziative pubbliche per farlo conoscere ai cittadini
giovedì 1 Agosto 2019 - Ore 11:57
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Il prefetto di Ancona Antonio D’Acunto ha approvato, con decreto ieri, 31 Luglio, l’aggiornamento del Piano di Emergenza Esterna della Raffineria Api di Falconara Marittima. All’elaborazione del piano ha provveduto, nell’ambito di più riunioni, un apposito Gruppo di lavoro di esperti dei diversi enti interessati: Vigili del Fuoco, Servizio regionale di Protezione civile, Comune di Falconara, l’Asur, l’Arpam, il 118 e la stessa Prefettura.

Il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto

«Prima dell’adozione, è stata espletata la procedura di consultazione pubblica mediante pubblicazione del piano sui siti internet di Prefettura e Comune di Falconara Marittima per 45 giorni, dal 16 maggio al 30 giugno 2019, al fine di consentire ai cittadini ed associazioni la formulazione di osservazioni ed integrazioni.- specifica nella nota stampa la Prefettura – Rispetto alla precedente versione, il nuovo piano è stato adeguato alla direttiva Ue recepita nel decreto legislativo 105/2015 e alle più recenti direttive ministeriali in materia. Di particolare utilità è la cartografia on line, consultabile sul sito internet della Prefettura di Ancona e del comune di Falconara Marittima. Una significativa innovazione riguarda la considerazione dei fenomeni odorigeni quale possibile presupposto per l’attuazione del piano di emergenza esterna, sulla base della valutazione di Arpam, Asur e dei Vigili del Fuoco». Il Comune di Falconara Marittima  ora organizzerà iniziative pubbliche aperte alla partecipazione dei cittadini, per consentire la più ampia diffusione della conoscenza dei comportamenti da tenere in caso di criticità.

Print Friendly, PDF & Email


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X