facebook rss

Ceriscioli: «Caso sospetto a Rimini,
chiesto al Governo di fare presto
Fake news sulle scuole chiuse»

Print Friendly, PDF & Email

 

Videoconferenza dei presidenti delle Regioni

 

«Un caso di Coronavirus a Rimini è sotto verifica allo Spallanzani di Roma, se fosse confermato ci troveremmo in un mondo, se non lo fosse in un altro» dice il governatore Luca Ceriscioli che è in riunione a palazzo Raffaello proprio per gestire la situazione del Coronavirus.

Luca Ceriscioli ha parlato poco fa

«Il Governo ha deciso di fare delle linee guida che valgano per tutti e credo che sarà a livello provinciale – anticipa Ceriscioli che è stato in collegamento alla riunione con Conte e i presidenti di Regione –. Se una provincia si trova vicino ad una dove c’è un caso sarà adottato un certo tipo di provvedimenti e in altri che non sono vicine no. Stiamo aspettando di sapere, il governo non ci ha mandato ancora niente, abbiamo chiesto di fare presto e ci hanno parlato di qualche ora quindi nel pomeriggio dovremmo sapere qualcosa».

Così il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, che è in attesa dei provvedimenti da adottare. Per ora sulla chiusura delle scuole non si sa niente anche se girano fake news. Questo il testo che gira su una notizia falsa: «Il presidente del consiglio Conte Giuseppe dispone la chiusura di tutte le scuole d’Italia di ogni grado e ordine per la grave e allarmante situazione che incombe sulla nostra nazione. Al fine di tutelare la salute nazionale e degli studenti fino al 5 marzo 2020 le scuole di ogni grado e ordine saranno chiuse. A breve uscirà la disposizione ufficiale sul sito del ministero». Niente di vero, al momento sulle scuole non è arrivato ancora la decisione del governo. Il premier Conte intanto ha aggiornato il numero dei contagiati in Italia (283) e dei morti, saliti a sette.

(Servizio in aggiornamento)

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page