facebook rss

Tragedia di Rigopiano, un anno dopo:
Osimo ricorda Dino e Marina
con una messa in Cattedrale

OSIMO - Domenica prossima alle 10.30 la città tornerà ad abbracciare i familiari della coppia scomparsa sotto la valanga del Gran Sasso il 18 gennaio del 2017. La funzione religiosa sarà allietata dal Coro della Polizia di Stato della Questura di Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Nel primo anniversario della tragedia di Rigopiano, domenica prossima, 21 gennaio alle 10.30, Osimo ricorda con una messa nella Cattedrale di San Leopardo, Dino Di Michelangelo e sua moglie Marina Serraiocco (leggi l’articolo). Lui poliziotto in servizio al Commissariato di Ps di piazza Marconi, lei titolare di un negozio di bomboniere di Corso Mazzini, la coppia era da qualche giorno in vacanza sul Gran Sasso quando scomparve travolta dalla valanga del 18 gennaio 2017. E’ sopravvissuto solo Samuel, il bambino di Dino e Marina, che lo scorso 14 gennaio ha compiuto 8 anni e che oggi vive con gli zii materni. La funzione religiosa, proprio come avvenne un anno fa (leggi l’articolo) è aperta a tutta la cittadinanza e sarà animata dal coro della Polizia di Stato della Questura di Ancona. I colleghi di Dino non lo hanno mai dimenticato e sono rimasti vicini al fratello Alessandro, poliziotto della Digos, oggi tutore legale del piccolo Samuel e in prima linea per difendere la memoria delle vittime del Rigopiano. Anche i commercianti del centro storico di Osimo hanno cercato di tenere alto il ricordo di Marina nei cuori degli osimani. La scorsa estate si sono prodigati per riaprire il suo negozio e vendere la merce ancora in magazzino destinando gli introiti a Samuel. Domenica, alla cerimonia commemorativa in Duomo, dovrebbero partecipare anche i familiari di Dino e Marina. Il 19 invece si terrà una messa privata nella chiesa di San’Agostino a Chieti alla quale parteciperà anche l’associazione nazionale della Polizia con il gonfalone e verrà annunciato che il Viminale consegnerà una medaglia al merito in memoria di Dino.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page