facebook rss

Strage in discoteca, l’addio a Emma:
«Sarai luce nella nostra nostalgia»

SENIGALLIA - Nella chiesa del Portone una folla per l'ultimo saluto alla 14enne che ha perso la vita nella tragica notte della Lanterna Azzurra a Corinaldo. Le toccanti parole della famiglia e il ricordo delle amiche: «col suo sorriso illuminava le nostre giornate e continuerà a farlo dal cielo». Il messaggio di cordoglio di Mattarella
Print Friendly, PDF & Email

La folla davanti la chiesa di Santa Maria della Neve-Portone per l’ultimo saluto a Emma Fabini

 

di Talita Frezzi (foto di Giusy Marinelli)

«Scia luminosissima, fatta di bontà, gentilezza, intelligenza, sorrisi mai negati e tanta dolcezza. Sei stata calore e colore nei nostri giorni e sarai luce nella nostra nostalgia». Sono le parole scelte dai genitori, dalla sorella e dal fratello, dalla nonna, dagli zii e dai cugini. Per loro Emma è stata e resterà “luce”. La 14enne di Senigallia era tra le giovanissime vittime della strage al Lanterna Azzurra di Corinaldo.

La chiesa di Santa Maria della Neve-Portone oggi alle 11,30 non è riuscita a contenere l’abbraccio commosso di quanti si sono stretti alla famiglia Fabini per l’ultimo saluto. Non sono voluti mancare il prefetto di Ancona Antonio D’Acunto che ha consegnato proprio alla famiglia – così come ai familiari delle altre vittime – il messaggio di cordoglio e vicinanza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. C’erano i sindaci di Senigallia Maurizio Mangialardi e di Corinaldo, Matteo Principi, i vertici delle forze dell’ordine. Ma soprattutto c’erano tantissimi ragazzi, studenti del liceo Perticari e di altri istituti cittadini, del comprensivo Marchetti, le compagne della scuola “Danza in scena”, i colleghi farmacisti del papà. C’erano tanti genitori. Grande commozione e il dolore cristallizzato negli occhi lucidi e le guance arrossate di tanti coetanei del piccolo angelo, stretti attorno al feretro bianco coperto di rose candide, quelle di mamma e papà. Difficile per il sacerdote, don Paolo Gasperini, trovare parole di fede per confortare di fronte a questa tragedia troppo grande da comprendere, da accettare. Specie se si è genitori.

Emma Fabini

«Prendersi cura, cercare alleanze e creare comunità, di questo abbiamo bisogno – ha detto il parroco – Di solidarietà e presenza. Emma in questo momento ci guarderebbe, ci solleverebbe con bontà e gentilezza. Continuerà a darci colore e calore, a essere luce al nostro ricordo». Il dolce sorriso di Emma è stato ricordato anche dalle amiche di scuola, che hanno letto un breve ma toccante messaggio: «Emma col suo sorriso illuminava le nostre giornate e continuerà a farlo dal cielo». E mentre una famiglia piange stretta al suo dolore, un’altra vive momenti terribili: quella di Eleonora Girolimini, la mamma 39enne vittima della strage di Corinaldo, morta per difendere sua figlia dalla calca soffocante. Per lei la camera ardente è stata allestita all’auditorium San Rocco. Sarà salutata per l’ultima volta sabato mattina alle 9. I funerali degli altri due ragazzi – Daniele Pongetti, 16 anni di Senigallia ed Asia Nasoni, 14enne di Marotta – saranno celebrati rispettivamente domani pomeriggio alle 15 alla Cattedrale di Senigallia e sempre domani alle 15 nella chiesa di San Giovanni a Marotta.

(servizio aggiornato alle 16,18)

Il sindaco di Corinaldo, Matteo Principi

 

Il sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi accanto il sindaco di Corinaldo, Matteo Principi,

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X