facebook rss

“Una luce per Elisa e Gianluca”
Oltre duemila persone alla fiaccolata

CASTELFIDARDO - Commozione e silenzio ieri sera nel lungo corteo che si è incamminato dalla chiesa di Sant'Agostino fino a Piazza della Repubblica per ricordare la coppia scomparsa a marzo nel tragico incidente di Porto Recanati. I ringraziamenti dei familiari
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Le nuvole del pomeriggio hanno lasciato spazio alla luna e alle stelle nel cielo della sera. Il silenzio è stato infranto solo dal rumore dei passi dei duemila viandanti, dall’accensione della prima candela alle 21,15 fino allo spegnimento dell’ultima alle 22,30.

Una folla di affetti ieri sera  a Castelfidardo ha partecipato  alla fiaccolata in memoria di Elisa del Vicario e Gianluca Carotti, la coppia scomparsa lo scorso 3 marzo nel tragico incidente di Porto Recanati. In testa al corteo la sorella e la madre di Elisa, il papà di Gianluca, i parenti, gli amici, li istituzioni e le associazioni cittadine che hanno voluto onorare il ricordo della 40enne e del 47enne fidardensi impegnati nel volontariato e nello sport, che hanno lasciato un segno profondo e un esempio forte di spirito di servizio e gratuito impegno nel tessuto sociale cittadino. La commozione è stata palpabile ieri sera durante l’evento ‘Una luce per Gianluca ed Elisa’ organizzato da tre amici cari dei due genitori morti nello schianto sull’Adriatica, per il quale è stato condannato a 10 anni di reclusione, per duplice omicidio stradale il 34enne Marouane Farah. Per rispetto di loro, del loro esempio di vita, però la rabbia di chi li amava è sublimata in solidarietà e nessun accenno alla vicenda giudiziaria è stato fatto durante gli interventi al microfono.

Il padre di Gianluca

Un corteo composto si è incamminato dalla chiesa di Sant`Agostino, procedendo per via IV Novembre e poi su via Settimio Soprani, svoltando quindi su via Matteotti. Da piazzale Don Minzoni a Porta Marina ha raggiunto piazza della Repubblica attraversando il corso XVIII Settembre. Tre le fermate per raccontare chi erano Elisa e Gianluca: i ragazzi del Villa Musone Calcio hanno promesso che continueranno ad entrare in campo mettendo in pratica gli insegnamenti di mister Gianluca improntati alla correttezza, all’onestà, all’aiuto reciproco e al rispetto dell’avversario. I ragazzi del Gruppo Folleroul hanno invece ha ricordato il sorriso di Elisa, la sua disponibilità verso grandi e piccoli. Anche il sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani ha sottolineato quanto sia attuale il messaggio, il testamento morale, lasciato dalla coppia. Alla fine sono arrivati i ringraziamenti a cuore aperto dei familiari, di Laura, la sorella di Elisa e dell’anziano padre di Gianluca. La fiaccolata è stato il primo passaggi di un una lunga serie che gli amici dei due 40enni scomparsi intendono muovere per rendere realizzabili i loro progetti di vita.

(foto Domenico Cappella)

La mamma e la sorella di Elisa

L’arrivo del corteo con il sindaco e il gonfalone del comune di Castelfidardo

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X