facebook rss

Incendio al porto, Foresi: «Un disastro,
c’è un focolaio ancora da domare
Non ci sono materiali inquinanti»

ANCONA – L'assessore alla Sicurezza fa il punto sul rogo che ha inghiottito l'ex Tubimar nella notte. A breve si riunisce il Coc: «appena saranno domate anche le ultime fiamme, la nube se ne andrà»
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Foresi al porto

 

 

Una riunione in Autorità portuale e, a breve, quella del Centro operativo comunale. La macchina per gestire la crisi scatenata dall’incendio al porto si muove velocemente per arginare i rischi. L’assessore Stefano Foresi, che dalla sede dell’Ap si sta muovendo verso palazzo del Popolo parla di «un disastro» e riferisce che «c’è un focolaio ancora non domato che i vigili del fuoco stanno cercando di spegnere. Risolto quello, se ne andrà anche la nube di fumo» che ha avvolto la città e talmente alta da essere visibile dai Comuni limitrofi. «Abbiamo fatto una lista dei materiali presenti nei capannoni, che sonno ferrosi, inerti, ma niente plastica, né materiali inquinanti». Le verifiche risolutive avverranno quando sarà possibile accedere ai capannoni dove è divampato l’incendio, tra cui l’ex Tubimar.

(m.m.)

La situazione di questa mattina all’ex Tubimar



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X