facebook rss

Il generale dei carabinieri Ilio Ciceri
in visita alla compagnia di Senigallia

SICUREZZA - Il comandante di vertice, da cui dipendono tutti i carabinieri delle regioni del centro Italia e della Sardegna, ha voluto testare personalmente l’efficienza e l’efficacia dei controlli sul territorio
giovedì 23 Marzo 2017 - Ore 18:44
Print Friendly, PDF & Email

Il generale Ilio Ciceri al suo arrivo a Senigallia con il comandante della compagnia Cleto Bucci

 

Il generale di corpo d’armata Ilio Ciceri, comandante interregionale dei carabinieri Podgora, ha visitato il comando della compagnia di Senigallia. Il comandante di vertice, da cui dipendono tutti i carabinieri delle regioni del centro Italia e della Sardegna, ha voluto testare  personalmente l’efficienza e l’efficacia dei controlli sul territorio. Al suo arrivo da Roma è stato ricevuto nella caserma Bracaccini di via Marchetti dal comandante della compagnia, il maggiore Cleto Bucci. Subito dopo ha incontrato tutti i comandanti delle 8 Stazioni della compagnia a presidio di un territorio vasto e frazionato. Nel corso del briefing tenuto dal maggiore Bucci, il generale Ciceri ha affrontato le principale tematiche relativamente ai problemi di sicurezza e ordine pubblico a Senigallia e nella zona dei comuni della Val Misa. Il generale Ciceri ha analizzato l’attività svolta negli ultimi due anni e nell’anno in corso, in riferimento a quanto intrapreso per incrementare il controllo del territorio e contrastare concretamente la criminalità comune e in particolare quella di tipo predatoria. Dopo l’incontro con il personale, l’alto ufficiale ha rivolto ancora una volta un sentito ringraziamento a tutti i Carabinieri per il lavoro svolto. Il maggiore Bucci, a nome di tutti i carabinieri della compagnia, ha ringraziato il generale Ciceri per la vicinanza e la continua attenzione ai problemi dei comandi periferici ed ha promesso il massimo impegno al servizio del cittadino e per il bene dell’arma. Al termine il Generale ha proseguito per la provincia di Macerata.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X