facebook rss

Difendersi dai furti: la collaborazione
tra cittadini e forze dell’ordine
è l’arma vincente (Video)

CASTELFIDARDO -Nel corso dell'incontro pubblico di ieri nella sala convegni di via Mazzini, carabinieri e polizia locale hanno forniti consigli utili per tenersi alla larga da ladri e truffatori. In tutta la Valmusone reati predatori in calo nel 2016 (-14%)
venerdì 7 Aprile 2017 - Ore 17:19
Print Friendly, PDF & Email
Sicurezza a Castelfidardo, come combattere la criminalità diffusa: parlano il capitano Raffaele Conforti, il sindaco Roberto Ascani e il tenente Paolo Tondini

I relatori al convegno di ieri pomeriggio a Castelfidardo: da sinistra il luogotenente Grossi, il capitano Conforti, il sindaco Ascani e il tenente Tondini

Aumentare la collaborazione tra cittadino e forze dell’ordine: un’alleanza strategica per effettuare interventi mirati, rapidi e risolutivi. Questo il senso dell’incontro pubblico promosso ieri dall’amministrazione comunale di Castelfidardo in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e il Comando di Polizia Locale, un’utile occasione di confronto su un tema sempre attuale (leggi l’articolo).

“I dati dei reati sono in calo ma la sensazione di pericolo è diffusa e si propaga in maniera ormai incontrollata attraverso l’onda dei social – l’introduzione del sindaco Roberto Ascani -; per evitare di essere sopraffatti dai mezzi di comunicazione massivi è più che mai necessario migliorare il dialogo tra chi segnala il fatto e il tutore dell’ordine pubblico”. Il concetto di “sicurezza partecipata” si abbina dunque a quello di “prevenzione” e al “controllo di vicinato”, di cui il comandante di compagnia dei carabinieri di Osimo capitano Raffaele Conforti ha portato l’esempio pratico di Lucca per incentivarne quanto meno una forma spontanea e sottolineare l’importanza di una rete di sostegno. Il capitano ha ribadito che i reati predatori in tutta la Valmuson, nel 2016, sono in calo del 14%  rispetto all’anno precedente (leggi l’articolo).

“E’ un modello importato in Italia dagli Usa che ci fa riflettere sul valore dei rapporti umani: nessuno conosce le nostre abitudini meglio del vicino e può notare anomalie”. In un territorio come il nostro dove la qualità della vita è ancora alta rispetto ad altre realtà, ma ove comunque i tempi sono cambiati e le risorse (leggi pattuglie e agenti) vanno ottimizzate e sostenute dall’associazionismo come qui accade con Protezione Civile e Carabinieri in Congedo, l’attivismo non deve dunque limitarsi al tam tam su facebook ma proporsi in maniera più concreta. Come ricordato dal luogotenente Enrico Grossi e dal tenente Paolo Tondini, “è fondamentale segnalare con immediatezza ai numeri di pronto intervento ogni rumore, volto o movimenti strano e adottare accorgimenti banali ma indispensabili come chiudere a chiave porte, garage e auto”. La giustizia è lenta ma inesorabile”: la collaborazione interforze e il coinvolgimento del cittadino sono tasselli imprescindibili per prevenire e contrastare la microcriminalità.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X