facebook rss

Basta un aperitivo e Ancona si anima,
Città presa d’assalto con Food & Drink

MOVIDA - Assaggio d'estate nel capoluogo dorico con le due giornate targate Confartigianato. Il segretario Pierpaoli: "Quando si mettono in rete competenze, professionalità, voglia di fare si possono ottenere grandi risultati"
domenica 14 Maggio 2017 - Ore 19:08
Print Friendly, PDF & Email

Lo staff del 3112 in piazza del Papa

 

Piazza del Papa

 

Città piena. E’ bastato un aperitivo internazionale per animare il centro di Ancona e avviare il capoluogo ad un assaggio d’estate. Merito di Food & Drink che ha conquistato i palati con le due serate internazionali dedicate agli aperitivi targate Confartigianato. Venerdì e sabato tutto esaurito. Pierpaoli: “La città ha risposto con grande entusiasmo e abbiamo animato il centro grazie alla fantasia e professionalità dei nostri imprenditori”.

Da piazza del Papa a corso Garibaldi arrivando fino al porto i locali sono stati presi d’assalto e chi non aveva prenotato in tempo ha dovuto faticare per trovare un tavolino e gustare l’aperitivo internazionale. Successo per la due giorni di Food & Drink, un viaggio tra sapori esotici e inconsueti, alla scoperta di culture e tradizioni, attraversando i continenti alla ricerca di abbinamenti stuzzicanti. Una iniziativa della Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino in collaborazione con Comune e Camera di Commercio di Ancona dedicata alla cucina internazionale, giunta nel capoluogo dorico alla sua terza edizione. “La città ha risposto con grande entusiasmo e abbiamo animato il centro grazie alla fantasia e professionalità dei nostri imprenditori – dichiara Marco Pierpaoli, Segretario comunale della Confartigianato – questa è la dimostrazione che quando si mettono in rete competenze, professionalità, voglia di fare si possono ottenere grandi risultati. Il comune obiettivo di incentivare cittadini e turisti a scegliere il centro di Ancona per due serate di divertimento e convivialità è stato raggiunto con successo”.

“Barman e chef si sono sbizzarriti nel creare piatti e cocktail secondo le ricette delle diverse tradizioni – dichiara Giulia Mazzarini, Responsabile Alimentaristi Confartigianato – Un ampio ventaglio di proposte che hanno valorizzato la cultura dell’enogastronomia. Proprio i menu più ricercati ed elaborati, anche frutto di personali ricerche, viaggi ed esperienze, hanno riscosso particolare interesse.”

Sono stati 32 i locali coinvolti in questa edizione, ciascuno con un menù dedicato al paese del mondo scelto in abbinamento e un allestimento ispirato ai suoi colori e alle sue atmosfere: bar, ristoranti, caffè riuniti sotto la sigla di “Anima del Centro Food & Drink”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X