facebook rss

Sequestro di borse e portafogli falsi
di griffe italiane e francesi: 21enne nei guai

SENIGALLIA - Il giovane di origini senegalesi è stato bloccato al Ciarnin dai carabinieri, lungo la statale adriatica sud, mentre in bicicletta raggiungeva la spiaggia con la merce sulle spalle
lunedì 10 Luglio 2017 - Ore 16:40
Print Friendly, PDF & Email

la merce sequestrata al venditore ambulante senegalese

Dodici borse e quattro portafogli falsi, con i marchi contraffatti di note griffe italiane e straniere, sono stati sequestrati dai carabinieri della Stazione di Marzocca. Gli articoli erano destinati principalmente alla vendita in spiaggia e l’operazione ha portato alla denuncia di un senegalese di 21 anni bloccato al Ciarnin lungo la statale adriatica sud mentre in bicicletta raggiungeva la spiaggia con la merce sulle spalle. Gucci, Prada, Chanel e Michael Kors i marchi degli articoli falsificati, con perfetta imitazione anche delle sacche portaborse e in alcuni casi pure delle certificazioni di autenticità.

L’operazione è scaturita da un normale controllo durante il servizio di pattuglia. I militari hanno notato il cittadino straniero che procedeva in bicicletta in direzione sud verso Marzocca. Il giovane, che aveva un borsone sulla spalle e due buste di plastica alla vista della auto d’istituto ha invertito la marcia tentando la fuga in direzione nord ma è stato presto bloccato. Prima di essere fermato il giovane si era liberato del borsone lasciandolo cadere tra la vegetazione spontanea a bordo strada. I militari hanno recuperato il borsone e le buste rinvenendo il materiale contraffatto.

Sugli articoli, tutti di buona fattura, i militari sono riusciti, grazie alle indicazioni fornite dagli uffici legali delle aziende interessate, a rilevare alcuni elementi di difformità rispetto agli originali. Il senegalese, titolare di permesso di soggiorno in corso di validità rilasciato dalla Questura di Vicenza, non ha inteso rivelare i fornitori e la località di stoccaggio. E’ stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ancona per i reati di ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi. La merce è stata sottoposta a sequestro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X