facebook rss

Sulla statale contromano per sfuggire
alla polizia: inseguimento folle
finisce con l’incidente

ANCONA – Un quarto d'ora di ordinaria follia stamattina alle 10, quando un automobilista non si è fermato all'alt della stradale, guidando come un pazzo fino a piazza Ugo Bassi e cercando di sfondare un posto di blocco in via della Montagnola. La patente gli era già stata ritirata. E' stato arrestato e denunciato
martedì 12 settembre 2017 - Ore 12:18
Print Friendly, PDF & Email

Una scena dell’inseguimento da parte della polizia stradale

 

Uno dei mezzi dell’Uopi della polizia messi in campo per fermare la fuga dell’automobilista in una foto d’archivio

E’ stato un quarto d’ora di incredibile follia stamattina sulle strade cittadine: sfreccia contromano e ingaggia un inseguimento ad alta velocità con la polizia che alla fine è terminato con il botto. Un mezzo miracolo che non ci siano stati feriti o conseguenze peggiori. La sequenza incredibile è iniziata alle 10, quando M.E., residente in provincia di Ancona di 43 anni al volante di una Polo Volkswagen non si è fermato lungo la variante alla statale 16, all’altezza della Caffetteria, ai controlli di routine della polizia stradale. Da qui ha iniziato a correre, percorrendo un lungo tratto della statale sulla corsia opposta, per sfuggire alla polizia. Le forze dell’ordine invece si sono attivate subito per far convergere sulla zona due pattuglie della squadra volante e i mezzi dell’unità operativa pronto intervento. In tutto 6 mezzi della polizia si sono lanciati all’inseguimento dell’automobilista che dalla statale 16 ha imboccato la strada di Pontelungo, quindi via della Montagnola, sempre a tutto gas. Al termine di via della Montagnola però ha trovato i mezzi dell’antiterrosimo schierati come posto di blocco per fermare la sua fuga: due pesanti Range Rover utilizzati dall’unità pronto intervento della polizia. Davanti all’ostacolo, l’uomo ha cercato di aggirare il posto di blocco, colpendo un’auto ferma in sosta a bordo strada. Con la Volkswagen danneggiata, la sua corsa è durata poco: gli agenti della squadra volante sono riusciti a fermare l’automobilista nella zona di piazza Ugo Bassi. Bloccato e condotto in questura, il 43enne ha anche opposto resistenza agli agenti di polizia a furia di calci e pugni. Dall’indentificazione, l’uomo è risultato avere precedenti penali per reati contro la persona e la sua patente era già stata ritirata. Oltre ad una lunga serie di sanzioni per le infrazioni al codice della strada, tra cui il mancato rispetto dell’alt della polizia, la guida oltre i limiti di velocità consentiti e la guida contromano, l’uomo è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per guida senza patente e porto di oggetti atti ad offendere. Nella sua auto infatti sono stati ritrovati due coltelli d’argenteria. L’incredibile fuga che solo per casualità non è terminata con feriti o gravi incidenti.

 

(E. Ga.)

(Servizio aggiornato alle 16.45)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X