facebook rss

Ancona punto d’impresa digitale:
la nuova sfida della CCIAA
Si parte dal Forum della Meccatronica

NOVITÀ - L'ente camerale dorico diventa uno dei centri nazionali previsti dal Mise per la digitalizzazione delle aziende. De Vita: "Si rafforza così una delle azioni messe in campo da tempo". Del tema si discuterà al Forum della Meccatronica di cui è partner l'azienda speciale Marchet. Il settore che unisce meccanica, elettronica ed informatica al centro anche dell'edizione 2017 di E-capital sostenuto in prima linea dalla Camera di Commercio
lunedì 25 settembre 2017 - Ore 17:58
Print Friendly, PDF & Email

 

La Camera di Commercio di Ancona, presto ente unico regionale insieme alle altre territoriali, è pronta a diventare punto impresa digitale all’interno del sistema per la digitalizzazione delle imprese. Il network, voluto dal ministero dello Sviluppo economico per dare attuazione al Piano industria 4.0 sarà composto da 77  “Punti Impresa Digitale”, i cosiddetti Pid gestiti da Unioncamere e singole Camere di Commercio. Ancona e le Marche, dunque, parte attiva di questa rete a supporto degli imprenditori che intendano avviare processi di digitalizzazione e, quindi, di innovazione.

ANCONA, PUNTO DI IMPRESA DIGITALE. COSA SIGNIFICA
In cosa consiste il nuovo ruolo assegnato alle Camere di Commercio? A spiegarlo è il segretario generale della Camera di Commercio di Ancona Michele De Vita. «Gli enti camerali dovranno mettere in campo azioni ed interventi  in grado di favorire nei territori l’adozione di una strategia digitale d’impresa che non si esaurisca nella presenza sul web, nell’utilizzo dei social media e nell’adozione di un sistema di e-commerce ma che  abbia un impatto su tutte le componenti organizzative aziendali e sul modello di business dell’impresa. Insomma diffondere una cultura e di una pratica del digitale in tutti i settori e le dimensioni d’impresa. Nell’ambito del Pid metteremo a disposizione delle imprese alcuni digital promoter, giovani digitalizzatori selezionati e formati, che svilupperanno azioni di promozione, comunicazione ed affiancamento diretto. Entro ottobre poi − prosegue De Vita − pubblicheremo un nuovo bando con un budget di 240 mila euro per le imprese della provincia di Ancona per l’erogazione di voucher alle piccole e medie imprese per favorire percorsi di formazione specifica, l’adozione di piani di innovazione digitale e di servizi di consulenza in tema di supporto alla digitalizzazione di prodotti, processi, organizzazione e marketing».
La Camera di Commercio di Ancona quest’anno, nonostante i tagli imposti della riforma, aveva già contribuito concretamente all’innovazione delle imprese locali con l’assegnazione di voucher alle pmi ancora in fase di start up (under 5) per un valore di 300 mila euro: un risultato perseguito pur nel guado della riforma e nonostante l’ulteriore contrazione delle risorse da parte del Governo centrale.

Un’immagine dell’edizione 2016 del Forum della Meccatronica

FORUM MECCATRONICA. IL CONVEGNO MESSE FRANCKFURT-MARCHET-ANIE

Dunque quello posto dal progetto del ministero, è un obiettivo che per Ancona costituisce di fatto un rafforzamento di strategie ed interventi che l’ente camerale dorico svolge da tempo.  Non a caso domani 26 settembre Messe Frankfurt ha scelto Marchet – azienda speciale della Camera di Commercio – come partner per i lavori del Forum della Meccatronica, organizzato in collaborazione con Anie. In particolare l’ente camerale, tramite l’azienda speciale, darà il suo contributo alla mostra convegno “Le tecnologie abilitanti per la digitalizzazione 4.0 dell’industria” che coniuga temi cruciali per le economie del territorio e per il sistema delle Camere di Commercio.  «Si tratta di un’occasione unica per aggiornarsi professionalmente sui grandi temi attuali che hanno ricadute sulla competitività delle piccole e medie imprese. Con Marchet da tempo siamo ricettivi rispetto ai processi di innovazione» sottolinea Gordana Gnesutta direttore dell’azienda speciale.
La Camera di Commercio di Ancona, anche tramite l’azienda speciale Marchet da anni è impegnata ed investe nel rilancio del manifatturiero attraverso l’implementazione nel settore delle tecnologie e degli strumenti digitali. «Innovazione ed internazionalizzazione sono i due punti fermi delle nostre strategie» fa presente il segretario generale. In questa direzione va il lavoro dell’ufficio Brevetti e Marche – Centro Regionale di Informazione Brevettuale Pat-Lib, che svolge anche una cospicua attività di promozione della cultura brevettuale e di incentivo  dell’innovazione delle imprese locali, il progetto Google-Unioncamere e il progetto Crescere in Digitale che propone ai giovani neet – giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti a scuola né all’università, non hanno un lavoro e non lo cercano -,  iscritti a Garanzia Giovani, e alle aziende italiane formazione gratuita, orientamento e tirocini per fare business con il web.

L’edizione 2017 di E-capital

IL CONCORSO E-CAPITAL. QUEST’ANNO FOCUS SULLA MECCATRONICA
E poi E-capital, il concorso rivolto ad aspiranti imprenditori che da sedici anni trasforma le idee in vere e proprie realtà produttive ed economiche. Da sempre al fianco della manifestazione lanciata e promossa da Università Politecnica delle Marche, Istao, Regione Marche, Università di Camerino e Carifano, la Camera di Commercio di Ancona per l’edizione 2017 ha voluto rafforzare il suo ruolo di partner anche in virtù del rinnovato ed accresciuto impegno in tema di digitalizzazione ed innovazione delle imprese. Le iscrizioni per partecipare al concorso che mette in palio premi in denaro per realizzare il proprio sogno imprenditoriale sono aperte fino al 30 ottobre 2017. «La nostra mission è incidere in maniera significativa sullo sviluppo locale attraverso il sostegno alle nuove iniziative imprenditoriali, stimolando una maggiore consapevolezza del fare impresa − riprende De Vita −. Il nostro modello di approccio accompagna il futuro imprenditore nella fase di avvio, offrendo un portafoglio di servizi completo, dai colloqui di prima accoglienza ai seminari di orientamento, dalla formazione per la stesura del piano d’impresa alla community delle neo-imprese da poco costituite. Proprio in tale ottica si inserisce la nostra partecipazione al progetto E-capital, concorso che conferisce premi in denaro ed in formazione per lo sviluppo di business idea».
 La competizione tra idee d’impresa prevede formazione, assistenza imprenditoriale, legale, tributaria e commerciale, masters e premi in denaro. Scopo principale del concorso è avviare anche nelle Marche quel circuito virtuoso, giovani – università – venture capital – istituzioni – imprese, che rappresenta il fondamentale motore dello sviluppo nella nuova imprenditoria.
Dal 2001 ad oggi hanno preso parte all’iniziativa più di 5 mila partecipanti, in gran parte neo laureati delle università marchigiane, che hanno presentato più di 1.500 idee progettuali, con più di 500 progetti finalisti e una sessantina di premiati. Malgrado i partecipanti fossero persone a volte senza una pregressa esperienza imprenditoriale, si è registrato un elevato tasso di “conversione” dei progetti in imprese. Un tasso costantemente aumentato nelle ultime edizioni tanto che si è arrivati quasi all’80% dei progetti premiati si sono trasformati effettivamente in start up innovative.
L’edizione 2017 vede proprio la Meccatronica e Internet delle cose quali temi a cui le idee imprenditoriali devono necessariamente ispirarsi per poter essere ammesse al concorso, alle quali si aggiunge anche il tema della Silverage living, tecnologie per il miglioramento delle condizioni di vita degli anziani.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X