facebook rss

Osimo Stazione piange Gina,
catechista dal cuore d’oro

OSIMO - Luigia Cerase se n'è andata ieri a soli 53 anni consumata da una malattia incurabile. Fino alla fine sul letto dell'hospice di Loreto si è preoccupata di scrivere il copione dello spettacolo natalizio dei bambini della parrocchia. Domani la comunità della chiesa di Santa Maria della Pace, con don Enrico Bricchi, ha organizzato un funerale speciale per salutarla
sabato 18 Novembre 2017 - Ore 14:52
Print Friendly, PDF & Email

La chiesa di Santa Maria della Pace di Osimo Stazione

Osimo Stazione piange la morte di Luigia Cerase, la catechista dal cuore d’oro uccisa da una malattia incurabile. Gina, come la chiamavano tutti, aveva 53 anni. E’ deceduta ieri all’hospice dell’ospedale di Loreto dove era ricoverata da qualche settimana e dove fino a pochi giorni fa, prima di cadere in coma, aveva scritto il copione dello spettacolo natalizio dei bambini della parrocchia. Gina, che tutti ricordano per il sorriso, la pazienza, la creatività e la disponibilità, lascia il marito Marco Mendolicchio, ed i figli Rossella e Daniele, tutti impegnati come lei nelle attività dell’oratorio della chiesa frazionale di Santa Maria della Pace.  La sua è una di quelle storie che non si vorrebbe mai dover raccontare, uguale a tante altre ma diversa per la grande fede che ha illuminato un percorso di vita pur breve. La via crucis di Gina, originaria di Foggia ma osimana d’adozione, è stata punteggiata di sacrifici nella speranza di sconfiggere la malattia che invece l’ha consumata in poco tempo. Lei, però, finché ha potuto si è spesa con grande generosità per gli altri secondo il messaggio del Vangelo.

Luigia ‘Gina’ Cerase

I funerali che il parroco don Enrico Bricchi e la comunità parrocchiale della frazione di Osimo hanno organizzato per salutarla saranno proprio un ringraziamento per l’impegno donato e un inno di gioia per la sua resurrezione in Paradiso. “La bara entrerà in chiesa con le campane a festa, come quando è Pasqua e poi la funzione religiosa sarà animata dai canti mimati che Gina insegnava ai ragazzini  del catechismo. Sarà un funerale particolare e al termine della Messa saranno distribuite caramelle ai bambini, come amava fare lei– anticipa don Enrico – Tutti i bambini hanno ricordato Gina con un disegno che porteranno in chiesa. Noi della parrocchia le siamo stati vicini insieme ai suoi familiari fino alla fine. E lei fino alle fine ha lavorato e si è preoccupata dell’oratorio che in tanti anni aveva contribuito a far crescere. Sul letto di ospedale dava istruzioni per lo spettacolo natalizio che ha scritto con la figlia. Io la ricorderò all’inizio della Messa, non durante l’omelia”. Sarà insomma un funerale con tanta musica e preghiere ispirate alla gioia, come sarebbe piaciuto a lei. I parrocchiani hanno deciso di dirle addio così, ieri sera, dopo la veglia di preghiera organizzata alla notizia della sua morte.

La famiglia ha chiesto di ricordare Gina non con fiori ma con offerte all’oratorio parrocchiale. Le esequie si svolgeranno domani, domenica 19 novembre, alle 16 nella chiesa di Santa Maria della Pace di Osimo Stazione. La salma partirà già in mattinata dalla casa del commiato Vigiani di via Oscar Romero, a San Biagio, dove oggi è stata allestita la camera ardente, per essere trasferita nel salone parrocchiale di Osimo Stazione. Sarà un po’ come tornare a casa.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X