facebook rss

Che giornata per i poliziotti eroi:
prima il salvataggio delle due donne,
poi l’arresto di un pusher

ANCONA - Inarrestabili gli agenti della Squadra Volante che ieri mattina, dopo il salvataggio in extremis nel sottopasso di via Caduti del Lavoro, hanno anche effettuato un blitz antidroga arrestando uno spacciatore nigeriano di 25 anni
venerdì 15 Giugno 2018 - Ore 14:34
Print Friendly, PDF & Email

La squadra dei poliziotti che ha tratto in salvo le due donne dal sottopassaggio allagato

 

Prima hanno salvato madre e figlia dall’annegamento nel sottopasso di via Caduti del Lavoro, poi sono andati ad arrestare un pusher nigeriano. Sono le due scene che ieri hanno caratterizzato la mattinata dei poliziotti della Squadra Volante, quegli agenti ricevuti oggi dal sindaco Mancinelli e per cui il capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione ha chiesto la medaglia d’oro al valore civile. Gli agenti hanno ammanettato lo straniero quando ancora erano bagnati, poco prima di rientrare in questura. Sul loro cammino si sono imbattuti nel nigeriano, un uomo di 25 anni incensurato, e non hanno esitato a compiere il loro dovere. Il pusher è stato fermato poco prima delle 12 in via Buonarroti. Alla vista della polizia, l’uomo ha tentato di nascondersi dietro a una siepe. Tutto inutile. il pusher nascondeva negli slip una cinquantina di grammi di marijuana contenuta in una sacchetto con all’interno piccole dosi.  Nel corso della successiva perquisizione nel suo domicilio, in via XXV aprile, gli agenti gli hanno trovato in un borsone altri 400 grammi della stessa sostanza.  Tutta la droga è stata sequestrata. Oggi, la direttissima in tribunale. L’uomo ha avuto bisogno di una traduttrice per poter interloquire con il proprio avvocato. Il giudice Alberto Pallucchini ha convalidato l’arresto e rimesso in libertà il pusher con l’obbligo di firma fino al 19 luglio, quando inizierà il processo. Emesso il nulla osta per l’espulsione dall’Italia.

Rischiano di annegare nel sottopasso, salvate dalla polizia (Video)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X