Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

Bivacchi al parco del Monumento,
il sindaco: “In arrivo nuove spycam”

CASTELFIDARDO - Roberto Ascani stamattina ha ricevuto la segnalazione di un passante ed ha subito attivato la Polizia locale. In quella zona impervia qualcuno aveva avuto anche la pessima idea di accendere un fuoco pericoloso nella vegetazione. "“E' l’ennesimo gesto di inciviltà sul nostro parco più amato" commenta
Print Friendly, PDF & Email

Il bivacco scoperto al parco del Momumento di Castelfidardo

Il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani, l’ha classificato come “l’ennesimo gesto di inciviltà sul nostro parco più amato: il Monumento”. Dopo la rottura di giochi, lampade, lance di un cancello, staccionate, fontanella potabile e bagni stamattina il primo cittadino fidardense ha ricevuto “la segnalazione da parte di un giovane ragazzo che lo frequenta, sull’esistenza di un bivacco in una zona impervia poco visibile. – racconta Ascani – Un luogo appartato raggiungibile da via della Stazione dove qualcuno ha avuto la pessima idea di accendere un fuoco pericolosissimo visto il contesto ambientale. Ho subito disposto la rimozione del materiale rinvenuto e l’intensificazione dei controlli da parte degli agenti della Polizia locale”.

Il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani

Proprio in questi giorni  anche in quest’area della città verranno installate nuove spy cam. “Installeremo le prime due telecamere, collegate all’impianto di videosorveglianza di ultima generazione che permette un monitoraggio h24. – conferma il sindaco – Ma al di là degli strumenti di prevenzione e repressione, per evitare situazioni di degrado è importante che ogni cittadino faccia la propria parte e si diffonda la cultura del vivere i luoghi pubblici con rispetto e senso di appartenenza, come dimostrato dal giovane che si è insospettito e ha sollecitato l’intervento del Comune. Sono proprio arrabbiato ma ancora fiducioso nei nostri ragazzi. Per uno che commette un reato o una bravata penso ce ne siano cento che non si gireranno dall’altra parte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X