facebook rss

Fermata al posto di controllo:
«Mio marito ha un infarto»,
i carabinieri la scortano in ospedale

UNA DONNA è stata fermata a Matelica nel corso delle operazioni per far rispettare il lockdown. In auto c'era il consorte, 75enne. L'uomo è stato subito portato in pronto soccorso e ricoverato
Print Friendly, PDF & Email

 

Carabinieri a Canepina di Camerino

 

«Mio marito sta male, devo portarlo in ospedale, credo sia un infarto». Questo ha detto una donna di Gagliole quando ieri è stata fermata dai carabinieri a Matelica nel corso dei controlli per evitare gli spostamenti non necessari a Pasqua (alla fine poche persone in giro e anche questa mattina nella zona dell’entroterra sembra che sia stato rispettato il lockdown). La donna è stata fermata da una pattuglia dei carabinieri della Compagnia di Camerino che hanno notato la sua auto che viaggiava veloce. Ai carabinieri ha detto che il marito stava male e lo stava portando in ospedale a Fabriano, perché cardiopatico e soffriva di un dolore al petto. I militari a quel punto hanno scortato la signora fino al nosocomio evitando in questo modo che venisse fermata in altri posti di controllo e nel frattempo hanno chiamato il 118. Quando sono arrivati in ospedale c’era una equipe del 118 che attendeva la donna e il marito fuori dal pronto soccorso. L’uomo, 75 anni, è stato poi ricoverato e tenuto in osservazione. Per quanto riguarda i controlli i militari della Compagnia di Camerino li hanno effettuati in diversi punti nevralgici dell’entroterra. Per fortuna in giro c’erano poche persone e denunce non ce ne sono state. Anche questa mattina la situazione era tranquilla, i controlli proseguiranno per tutta la giornata per evitare che qualcuno si sposti durante la Pasquetta. L’attenzione maggiore oggi è sulla zona montana e nei luoghi, come il lago di Fiastra, che di solito sono frequentati per la Pasquetta.

(redazione CM)

(foto Orazi)

 

Controllo all’incrocio di Torre del Parco

Carabinieri e polizia stradale a Castelraimondo

 

Articoli correlati




</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X