facebook rss

Soffia il vento di protesta sulle frazioni:
anche Casine di Paterno scenderà in strada

ANCONA - Dopo Sappanico e Montesicuro, venerdì nuova manifestazione davanti alla chiesa. Altra idea di città sostiene la mobilitazione
Print Friendly, PDF & Email

La protesta di Sappanico

 

 

La voce delle frazioni di Ancona non si ferma. Dopo Sappanico e Montesicuro, questo venerdì anche Casine di Paterno scenderà in strada. La manifestazione è promossa da un gruppo di residenti della frazione. «L’obiettivo è quello di farsi ascoltare dall’amministrazione comunale affinché adotti le giuste azioni per mettere in sicurezza e riqualificare le frazioni di Ancona, molto spesso vittime di abbandono ed incuria.- spiegano – La situazione va avanti da molto tempo, i cittadini sono stanchi di promesse non mantenute e si sentono abbandonati, ora è il momento di farsi sentire. L’appuntamento è venerdì 10 luglio davanti alla chiesa di Casine di Paterno alle ore 18.30». Altra idea di città , in consiglio comunale è rappresentata dal consigliere Francesco Rubini- sostiene la mobilitazione che vedrà coinvolte le frazioni di Ancona questo venerdì a Casine di Paterno.

«Siamo preoccupati dello stato di abbandono in cui versano le frazioni e più volte l’abbiamo ribadito anche in consiglio comunale, ma l’amministrazione evidentemente non è interessata alla tutela di quei luoghi e delle persone che li vivono forse perché non genera profitto propagandistico. – sottolineano i portavoce di Altra Idea di Città – Rivalutare quei meravigliosi angoli di paradiso incastonati tra le colline anconetane incrementando i trasporti pubblici, attuando una pulizia costante del verde e promuovendo opere di manutenzione degli edifici abbandonati è fondamentale per restituire dignità ai territori e ai loro abitanti. Perché le frazioni non valgono meno dei laghetti del Passetto, perché non esistono cittadini di serie A e di serie B, venerdì noi ci saremo».

«Montesicuro sta crollando, un’altra fazione dimenticata» Scoppia la rabbia dei residenti (Foto)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X