facebook rss

La doppia gara di ‘Una vela per tutti’
per vincere la malattia mentale

ANCONA - Il progetto, in collaborazione con Regione Marche, Area Vasta 2, Anpis Regionale Marche, Four Sailing, Comune di Ancona e Chiesa Valdese, vede un equipaggio di ragazzi e adulti che si stanno allenando per partecipare alla prossima Regata del Conero.
Print Friendly, PDF & Email

La scorsa edizione della Regata del Conero

 

C’è un progetto che ha uno scopo ben preciso: quello di vincere la malattia mentale navigando in barca a vela.
A realizzarlo e a presentarlo ieri, nel contesto della Marina Dorica di Ancona, è stata l’Anpis, Associazione Nazionale Polisportive per l’Integrazione Sociale. Si chiama ‘Una vela per tutti’ e vede appunto una barca a vela e un equipaggio composto interamente da ragazzi e adulti con problemi mentali e un sogno: quello partecipare alla Barcolana di Trieste che nonostante il nome possa trarre in inganno, si svolge nel Golfo di Venezia ed è uno degli eventi più importanti in Italia nel settore del diporto.
Il presidente dell’associazione, Gianluca Brilli è attualmente alla ricerca di supporto e sinergie e per questo ha invitato alcuni possibili partner a conoscere da vicino la realtà del progetto. Presente all’incontro tenutosi sul pontile W1 dove vi era anche l’equipaggio, sono giunti anche Giampiero Feliciotti, presidente dell’Unione Montana Monti Azzurri e Fabio Sturani, portavoce del Governatore della Regione, Luca Ceriscioli oltre ai vertici dell’Anpis con il presidente onorario nazionale Roberto Grelloni.
«I nostri ragazzi – ha detto Brilli – si stanno allenando per partecipare alla prossima Regata del Conero 2020. Per questo – aggiunge – ho colto l’occasione per invitare alcuni ospiti. Questa attività è dispendiosa in termini economici e di forze in campo, abbiamo bisogno di sostegno per realizzare questo sogno».
L’attività in barca, infatti, migliora la condizione clinica dei pazienti che hanno anche meno bisogno di farmaci «e ciò – è stato specificato – è stato dimostrato».
«È un risultato sorprendente – ha detto Feliciotti – in un settore dove non si fa mai abbastanza. E’ un’iniziativa encomiabile che sicuramente sosterremo anche perché, oltre a dare una dignità alla malattia mentale, contemporaneamente si produce un risparmio per la Sanità. Abbiamo aperto un canale che unisce montagna e mare – ha spiegato -, vogliamo mandare i nostri ragazzi a fare questa esperienza in barca a vela e l’intenzione è sostenere ‘Una vela per tutti’ anche con contributi economici. Quando il passo è giusto è doveroso aiutare a farlo. Chissà che un giorno non potremo replicare l’iniziativa sul lago di Caccamo».
Con l’arrivo dell’imbarcazione il gruppo si è spostato nella sala convegni del Marina Yachting Club dove lo skipper Riccardo Refe della Four Sailing e la psicoterapeuta Gessica Grelloni hanno presentato i risultati ottenuti dal monitoraggio continuo degli adolescenti, dei ragazzi e degli adulti che hanno preso parte all’iniziativa, che con Anpis, ha ormai raggiunto il quarto anno consecutivo.
«Vengo da Fabriano – ha raccontato uno dei ragazzi dell’equipaggio – e il Conero non l’avevo mai visto prima di partecipare a questo progetto come paziente e protagonista. Andare in barca a vela è bellissimo, mi sento libero, vivo un senso di leggerezza».
Il progetto ‘Una vela per tutti’, in collaborazione con Regione Marche, Area Vasta 2, Anpis Regionale Marche, Four Sailing, Comune di Ancona e Chiesa Valdese, è alla costante ricerca di partner e di fondi per strutturare le proprie attività. Il direttivo, proprio per questo motivo, sta approvando il lancio di un crowdfunding. «Il nostro progetto innovativo può interessare potenzialmente chiunque in ogni parte del mondo – ha concluso Brilli – da appassionati di regate a persone e familiari che vivono queste problematiche. Siamo alla ricerca di fondi stabili e continuativi per poterci sviluppare, siamo animati dallo spirito del volontariato ma le spese sono comunque ingenti, invitiamo chiunque fosse interessato anche solo a conoscerci a contattarci».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X