facebook rss

Andrea Giovagnoni eletto
presidente nazionale della Sirm

RIMINI - Resterà in carica per due anni alla guida della più grande società scientifica nazionale accreditata al Ministero il professore ordinario di Radiologia dell’Università Politecnica delle Marche nonchè direttore del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell’Az. Ospedali Riuniti “Umberto I, Salesi, Lancisi”
Print Friendly, PDF & Email

Il prof. Andrea Giovagnoni

 

 

Nel corso deI 49esimo Congresso della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica (Sirm) che si è svolto a Rimini nei giorni 1 e 2 ottobre, è stato eletto per il biennio 2023-24, nuovo presidente nazionale, il prof. Andrea Giovagnoni, ordinario di Radiologia dell’Università Politecnica delle Marche e direttore del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell’Az. Ospedali Riuniti “Umberto I, Salesi, Lancisi” . «Sono davvero contento ed emozionato – commenta il prof. Giovagnoni – per questo incarico di grande prestigio e responsabilità. Ho avuto la fortuna di essere da anni all’interno della Società come consigliere prima e poi come Editor della prestigiosa rivista scientifica societaria ‘La radiologia Medica’; questa elezione – continua il prof. Giovagnoni – premia non solo l’impegno personale ma afferma il grande valore di tutta la Radiologia anconetana che nel corso degli anni è cresciuta è si affermata sia a livello nazionale che internazionale». «Fare il presidente della Sirm non sarà un compito facile, la Sirm – commenta il Giovagnoni – fondata a Milano nel 1913, è oggi la più grande società scientifica nazionale accreditata al Ministero e la più numerosa Società di radiologia d’Europa, riunisce i medici radiologi italiani (universitari e ospedalieri) con più di 11000 soci».

La Sirm rappresenta la Società di riferimento scientifico, professionale e di formazione continuativa post universitaria per migliaia di radiologi italiani, giovani e meno giovani contribuendo al progresso delle scienze radiologiche diagnostiche, interventistiche e – commenta il docente – affermandosi come l’unico e autorevole interlocutore per le Istituzioni di governo, del sindacato, dell’accademia delle associazioni dei pazienti, dell’industria, delle altre società scientifiche di specialità clinica e radiologiche internazionali. «Anche in questo difficile periodo, in piena emergenza pandemica – afferma il prof. Giovagnoni – la Srim ha dimostrato la sua insostituibile funzione di coordinamento e guida per i radiologi italiani. Nel giro di poche settimane sono stati distribuiti, a tutti i Soci, documenti e linee guida per la corretta diagnosi e riorganizzazione operativa dei reparti diagnostici; è stato attivato un data base di casistica Tac polmonare, con quadri radiologici già definiti a scopo educazionale ed è stato realizzato di un ‘Referto Stutturato’ in grado di omogeneizzare e guidare l’interpretazione dei reperti Tac dei pazienti affetti da patologia polmonare da Covid, anche nei piccoli centri o in quelli più grandi ma meno coinvolti all’inizio della pandemia. La conoscenze scientifiche e di pratica professionale – conclude – hanno così raggiunto, più velocemente del diffondersi della malattia stessa, tutti i radiologi italiani che si sono trovati cosi pronti ad affrontare al meglio la nuova crisi sanitaria dovuta al Covid 19».

Il prof. Giovagnoni, non è nuovo a incarichi di prestigio: formatosi alla Scuola di Radiologia di Ancona, ha trascorso periodi di studio negli Stati Uniti e in Germania dove ha potuto apprendere fra primi in Italia l’uso della risonanza magnetica in campo addominale. È stato un pioniere a livello internazionale nell’utilizzo dei mezzi di contrasto per lo studio del fegato in Rnm e del cuore, diventando il punto di riferimento internazionale per lo sviluppo clinico dei nuovi farmaci e molecole in questo campo. Diventato professore di Radiologia ha insegnato per alcuni anni all’Università di Modena per poi ritornare ad Ancona, dopo aver rinunciato ad incarichi presso importanti Atenei italiani, per continuare l’opera del maestro, prof. Amici, fondatore della Scuola radiologica anconetana. Già membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università Politecnica delle Marche è stato vice preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia ed è direttore della Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica. È attualmente presidente nazionale del Collegio dei Professori Ordinari di Radiologia, Radioterapia e Medicina Nucleare che rappresenta la carica di maggior rilievo in campo accademico della disciplina, incarico questo che lascerà a breve per fine mandato. Autore di circa 200 articoli scientifici, capitoli di libri e libri è stato relatore a più di 350 Congressi Nazionali ed Internazionali nei 5 continenti. «La presidenza della Sirm – continua Giovagnoni – rappresenta il traguardo più importante e prestigioso per un medico radiologo; una Società così grande, complessa e prestigiosa, punto di riferimento scientifico e professionale di migliaia di radiologi italiani, va guidata con grande determinazione, esperienza, capacità organizzative e gestionali: una sfida, professionale e umana unica e irripetibile, affascinate e impegnativa che onorerò con tutto il mio impegno». La nomina del prof. Giovagnoni a presidente Sirm rappresenta un vanto per l’Ateneo delle Marche e per l‘Ospedale di Torrette e una garanzia di eccellenza della Radiologia anconetana al servizio dei pazienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X