facebook rss

Moria di pesci nel torrente Fiumicello

OSIMO - Dopo le segnalazioni dei frequentatori della pista ciclabile di Campocavallo, la Polizia locale ha svolto un sopralluogo nell'area della Confluenza informando dell'episodio l’Arpam e il Consorzio di bonifica
Print Friendly, PDF & Email

I pesci a galla nell’acqua del torrente Fiumicello

 

 

Moria di pesci nell’area della confluenza tra il torrente Fiumicello e il fiume Musone. Le segnalazioni di diversi frequentatori della pista ciclabile di Campocavallo sulla presenza di carpe morte, viste galleggiare nell’acqua, ieri hanno spinto gli agenti della Polizia locale di Osimo a svolgere un sopralluogo lungo l’asta fluviale, concentrando l’ispezione nel tratto in cui i due corsi d’acqua si incontrano  sotto il ponte a poca distanza dalla Casa Cea. «Abbiamo inviato la segnalazione all’Arpam e al Consorzio di bonifica, l’ente che gestisce il Fiumicello, già ieri mattina dopo il sopralluogo svolto con la Polizia locale. Un ramo di un albero caduto in acqua ha formato una sorta di ansa e li si sono fermate e accumulate le carcasse dei pesci» conferma l’assessore Michela Glorio. Ma per risalire alle cause dell’anomalia, per capire se il fenomeno sia conseguenza di sversamenti di agenti nocivi in acqua o se invece sia collegato a cause naturali sarà necessario eseguire l’analisi dei campioni di acqua e dei pesci, che possono disporre solo gli enti competenti per giurisdizione territoriale. «L’acqua è pulita e da un analisi visiva sembra che si possa escludere la possibilità di un versamento di liquami o liquidi inquinanti» specifica l’assessora. Non è la prima volta che in questa zona viene registrata una moria di pesci. Negli anni scorsi era stata denunciata la morte di intere colonie ittiche non nell’alveo del fiume ma nei laghetti da pesca comunali. Al termine degli accertamenti e delle indagini dei carabinieri si era scoperto che la colpa era da imputare ad una micro-alga che, prolificata oltre misura per effetto di alterazioni all’ecosistema, aveva consumato troppo ossigeno sottraendolo ai pesci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X