facebook rss

«Dacci tutti i soldi»:
tabaccaio rapinato
prima di entrare alle Poste

ANCONA - La vittima sarebbe stata avvicinata dai rapinatori nel parcheggio di fronte all'ufficio delle Brecce Bianche. E' di poco meno di 10mila euro il valore del bottino. Caccia ai malviventi che hanno agito con mascherina sul volto e cappuccio: indagano i carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri alle Brecce Bianche

 

di Alberto Bignami

Rapina nel parcheggio antistante l’ufficio postale delle Brecce Bianche: due malviventi in azione. Vittima del colpo, un tabaccaio anconetano appena uscito dalla sua auto. Stando alle prime informazioni, i rapinatori sarebbero riusciti a prendere poco meno di 10mila euro. Sarebbero dovuti essere impiegati per un versamento.  

L’episodio è accaduto intorno alle 9,30. Il tabaccaio, Claudio Faure, titolare dell’omonimo bar tabacchi alle Palombare, era appena arrivato con l’auto parcheggiandola nell’area di sosta alberata di fronte all’ufficio postale di via Brecce Bianche. Spento il motore, due persone gli sono andate incontro a piedi mentre si trovava ancora all’interno dell’abitacolo. Con il volto coperto da mascherine chirurgiche e occhiali da sole, i rapinatori si sono subito disposti ai due lati della vettura, aprendo contemporaneamente sia lo sportello di guida che quello del passeggero in modo tale da bloccarlo. Il tabaccaio in quel momento si trovava da solo come già era avvenuto altre volte in precedenza. Un’operazione che la vittima aveva già effettuato senza mai aver avuto problemi, né sospetti che potesse accadergli qualcosa. A questo punto, uno dei due malviventi gli ha mostrato di avere una pistola con sé, intimandogli subito un «Dammi tutti i soldi».
L’uomo non ha potuto far altro che ubbidire per evitare conseguenze che avrebbero potuto essere ben peggiori.
Arraffato l’ingente bottino, consistente in poco meno di 10mila euro, i due si sono allontanati dal lato opposto rispetto all’accesso del parcheggio, passando per la boscaglia che si affaccia quindi in direzione di via Sacripanti.
Sotto choc, il tabaccaio ha chiamato subito la polizia. Sul posto sono intervenute in pochi istanti le pattuglie dei carabinieri del Radiomobile e della Stazione di Brecce Bianche. Ascoltato il racconto e le descrizioni fornite dalla vittima, i militari dell’Arma si sono messi subito sulle ricerche dei due malviventi battendo l’intero quartiere e le zone limitrofe. Si cerca di risalire ai malviventi anche tramite le telecamere cittadine che potrebbero averli ripresi durante la fuga. Nonostante fuori dalle Poste vi fosse una lunga fila e attorno al parcheggio si trovino anche una tabaccheria ed un’edicola, nessuno si è accorto di quanto era accaduto fino a quando non sono giunte le pattuglie dei carabinieri, lasciando capire che qualcosa di grave era successo.

I carabinieri della Compagnia di Ancona sul posto

Una delle pattuglie dei carabinieri giunte subito sul posto

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X