facebook rss

Solidarietà Popolare
lancia la candidatura a sindaco
di Tommaso Moreschi

CASTELFIDARDO - L'architetto di 49 anni, consigliere comunale per diverse legislature, darà la carica alle Amministrative del 3 e 4 ottobre allo storico movimento civico nato 25 anni fa in città
Print Friendly, PDF & Email

Tommaso Moreschi

 

 

Tommaso Moreschi,  architetto di 49 anni, è il candidato sindaco designato da Solidarietà Popolare, la storica lista civica di Castelfidardo in corsa per le Amministrative del 3 e 4 ottobre con eventuale turno di ballottaggio il 17 e 18 ottobre. Il responsabile del settore Urbanistica, Edilizia e Suap dell’Unione Terra dei Castelli di Agugliano e Polverigi è stato consigliere comunale per diversi mandati (di minoranza nell’ultima consiliatura) e alle Comunali del 2016 era già stato incluso in pectore nella squadra di governo come vice sindaco dall’allora candidato di Sp, se la competizione elettorale fosse stata vinta. Insomma quasi un destino segnato per Moreschi quello di assumere la guida del movimento presente sul territorio da 25 anni e che ha governato per 4 legislature consecutive la città della fisarmonica, fino a 5 anni fa. L’annuncio della sua investitura è stato dato oggi anche sui social media dalla stessa lista civica.

«Abbiamo finalmente ufficializzato la presenza del movimento alle prossime elezioni comunali, con una nostra lista ed il candidato sindaco, Tommaso Moreschi. – scrive in un post Solidarietà Popolare – Non vediamo l’ora di farvi conoscere la nostra squadra e il nostro programma.. a giorni comunicheremo la data della presentazione pubblica alla città». Al momento sono quindi 4 i competitor della sfida elettorale castellana. Con Tommaso Moreschi, saranno della partita il sindaco uscente 44enne Roberto Ascani (M5S e Castelfidardo Futura), la farmacista 62enne Gabriella Turchetti (Fare bene per Castelfidardo); l’imprenditore 58enne Marco Tiranti (Pd-Bene in Comune, Uniti e Attivi, Sinistra Unita e Azione Civica Solidale). I rumors non escludono nemmeno che possa spuntare un quinto nome dall’area della sinistra radicale prima del 2 settembre, data di presentazione di liste e simboli. Chi vivrà, vedrà.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X