facebook rss

Sit-in davanti all’ospedale, Arteconi:
«Va creata una ‘Area Vasta Montana’»

FABRIANO - Questa mattina la manifestazione organizzata da 'Fabriano Progressita' davanti al 'Profili' per denunciare le carenze della sanità locale, dai reparti sotto organico o smantellati come Pediatria, alle lunghe liste di attesa, fino ai servizi depauperati del Consultorio e dell'Umee
Print Friendly, PDF & Email

Il sit in davanti all’ospedale ‘Ptofili’ organizzato da ‘Fabriano Progressista’ con il candidato sindaco Vinicio Arteconi (con il giubbino rosso)

 

Come preannunciato nei giorni scorsi, si è svolto questa mattina il sit-in davanti all’ospedale di Fabriano, organizzato dall’associazione ‘Fabriano Progressista’ per chiedere di potenziare i depauperati servizi dell’area montana.«Siamo arrivati al punto che per mandare in ferie gli operatori devono accorpare temporaneamente i reparti, per quanta carenza di personale c’è» ha sottolineato il candidato sindaco Vinicio Arteconi oggi durante la manifestazione di protesta, elencando le carenze del ‘Profili’: reparti sotto organico, liste di attesa, il reparto di Pediatria smantellato,  carenza di figure al Consultorio e dell’Umee. «Solo garantendo il diritto alla salute potremo impedire la fuga dalla nostra città. Come noi, gli stessi problemi li ha un grande territorio, che va da Cagli fino a Camerino: creiamo una “Area Vasta Montana” e portiamo la voce delle aree interne fino in Regione». Nei giorni scorsi Arteconi, sostenuto nella corsa alla fascia tricolore dalle liste ‘Fabriano Progressista’ e ‘Nessuno Escluso’ aveva ribattuto all’annuncio della consigliera regionale Chiara Biondi (candidata al Consiglio comunale con la lòista ‘Amiamo Fabriano’- Roberto Sorci sindaco) del bando per l’assunzione di due pediatri all’ospedale d Fabriano.

«La Lega mascherata da lista civica ha annunciato un bando per l’assunzione di due pediatri a tempo determinato: dopo due anni di totale silenzio, la Giunta di destra ha partorito una toppa elettorale peggiore del buco. – era stata la reazioni di Arteconi, consigliere comunale di minoranza nell’ultima consiliatura – Finora, i bandi a tempo determinato dell’Area Vasta 2 sono quasi sempre andati deserti, o chi li ha vinti è scappato dopo qualche mese: i medici non cercano lavoro in reparti senza futuro. E non credo che gli appelli di Chiara Biondi cambieranno qualcosa. L’unica soluzione è smettere di considerare la sanità montana qualcosa di serie B: quando hanno chiuso Pediatria a Fabriano perché “tanto non serviva”, in Area Vasta c’erano 18 pediatri, mentre ora sono 21. Non ci sono scorciatoie, si deve riaprire il reparto di Peditaria (oggi è solo un Ambulatorio), e fare una di queste cose (o magari tutte e due!): garantire una presenza a rotazione di pediatri dagli altri ospedali (ovviamente pagata); fare dei concorsi a tempo indeterminato. Insomma, metteteci soldi veri, altrimenti non risolverete nulla».

 

 



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X