facebook rss

Furti d’auto senza fine: nona vettura
sparita dal quartiere Adriatico

ANCONA – Colpita stavolta via Asiago, dove è stata rubata una Golf. In meno di un mese, sono stati messi a segno una raffica di colpi che hanno portato al furto di sei suv modello Q3 dell'Audi, una Peugeot 208 e un furgone
sabato 14 Ottobre 2017 - Ore 19:16
Print Friendly, PDF & Email

 

Ladri d’auto scatenati, non si arresta la scia di furti dal quartiere Adriatico. Stavolta a sparire nella notte è stata una Wolkswagen Golf argento. E sale così a nove il conto dei mezzi rubati in meno di un mese. Non solo suv. Sembra infatti che la “banda dell’Audi” abbia iniziato a colpire anche altri modelli di vetture. L’ultima denuncia è stata fatta direttamente sui social dal proprietario, che nella mattina di sabato non ha più trovato parcheggiata davanti a casa in via Asiago la sua Golf. Le prime denunce di furto erano scattate il 20 settembre scorso, con il furto di due Audi Q3 da via Toti e via Cesare Battisti. Da allora, i ladri non si sono più fermati. Colpito soprattutto il quartiere Adriatico, tranne un “fuori programma” in centro, in via Oberdan, dove a sparire è stata sempre un suv della casa dei quattro cerchi di Stoccarda, tutti modelli dal valore di 30mila euro l’uno. Ma non solo suv di lusso, si diceva. Perché durante la lunga serie di reati sono stati trafugati anche una Peugeot 208 dal viale della Vittoria e un furgone. Solo un colpo non è andato a buon fine: una Audi A3, rubata in via Podgora, e ritrovata la mattina seguente dopo una corsa di appena un centinaio di metri in via Tommasi, abbandonata in divieto di sosta davanti ai cassonetti. Dal modus operandi della “banda dell’Audi”, i ladri sarebbero in possesso di un sistema hi-tech per non far scattare gli allarmi e mettere in moto i suv. Di certo, finora non hanno lasciato tracce, scegliendo con cura i bersagli da colpire e le zone scoperte da sistemi di videosorveglianza, mentre tra i residenti cresce la rabbia.

La banda dell’Audi non si ferma più: è il sesto colpo in due settimane

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X