facebook rss

Sesso e foto hot con minori,
i finti talent scout davanti al giudice

INDAGINI - Il 72enne fabrianese e il 38enne maceratese sono attesi domani in tribunale per l'interrogatorio di garanzia di fronte al gip. Da venerdì si trovano agli arresti domiciliari chiesti e ottenuti dal procuratore aggiunto Valentina D'Agostino nell'ambito dell'inchiesta sulla pedopornografia e sull'induzione alla prostituzione minorile avviata circa due anni fa dai carabinieri di Fabriano
Print Friendly, PDF & Email

 

Foto d’archivio

 

Inchiesta sulla pedopornografia e sull’induzione alla prostituzione minorile, i due finti talent scout domani davanti al giudice. Si terrà in mattinata l’interrogatorio di garanzia per il 38enne maceratese e il 72enne di Fabriano raggiunti lo scorso weekend dalla misura cautelare degli arresti domiciliari decretati dal gip Sonia Piermartini su richiesta del procuratore aggiunto Valentina D’Agostino. In aula, i due – monitorati dai carabinieri da quasi due anni e rientranti in un’inchiesta che coinvolge altri 5 indagati – potranno avvalersi della facoltà di non rispondere oppure cercare di difendersi dalle accuse mosse dalla procura che puntano a ricostruire una vicenda di prostituzione minorile, scambio e produzione di materiale contenente foto e video hard di ragazzine, filmate anche durante rapporti saffici con la promessa di un futuro nel mondo della moda. A uno dei due indagati colpiti dalla misura restrittiva viene anche contestata la violenza sessuale su minore: avrebbe approfittato della vittima dopo averla fatta ubriacare, quindi in una situazione di minorata difesa. Il fabrianese è difeso dall’avvocato Enrico Carmenati, mentre il maceratese dal legale Gianfranco Formica. I due indagati avrebbero agito in maniera scollegata l’uno dall’altro.

Si fingevano talent scout per fotografare e filmare ragazzine: due uomini in manette

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X