facebook rss

Giornalisti in lutto,
addio a Giannetto Rossetti
storico presidente dell’Ordine

JESI - Un malore improvviso lo ha colpito oggi pomeriggio nella sua abitazione. Volto noto del Tgr, aveva 74 anni. Lascia la moglie Olinda Fava, i figli Francesco, Luca e Letizia.
Print Friendly, PDF & Email

Gianni Rossetti

 

di Talita Frezzi

Giornalisti in lutto per l’improvvisa scomparsa di Giannetto Sabbatini Rossetti, 74 anni, ex presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche. Un malore lo ha colto oggi pomeriggio verso le 16 nella sua abitazione a Jesi, mentre stava guardando la tv sul divano. A nulla purtroppo sono valsi i tentativi di soccorso. Una notizia drammatica che getta nello sconforto i familiari, ma anche tanti colleghi. Storico presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche che ha guidato per oltre 20 anni, Rossetti ha avuto un posto anche nel consiglio dell’Ordine nazionale. Era anche direttore artistico del Festival del Giornalismo d’Inchiesta.

Una carriera lunga e importante la sua: iscritto all’Ordine dei Giornalisti professionisti dal 2 dicembre 1971. Ha collaborato per oltre vent’anni con le testate regionali: prima il Corriere Adriatico poi per 18 anni col Resto del Carlino dove ha ricoperto il ruolo di vice caporedattore vicario della sede regionale di Ancona. Poi dal 1991 l’esperienza con la Rai, di cui è stato voce e volto per molto tempo. Grande la sua attenzione alle realtà sociali e culturali della regione come storico volto del TgR. Nel 2010 è andato in pensione. Ha realizzato importanti inchieste giornalistiche, aggiudicandosi premi anche a livello nazionale. Insegnante all’Università degli studi Carlo Bo di Urbino nel dipartimento di Scienze della Comunicazione e discipline umanistiche teneva corsi su “Teoria e tecniche del linguaggio radio televisivo”. E’ stato uno dei fondatori e direttore della Scuola di Giornalismo di Urbino, dove ha insegnato per oltre 30 anni. E’ stato il fondatore dell’Aurora basket insieme a Primo Novelli e Carlo Barchiesi e primo presidente della società cestistica di Largo Grammercato. Lascia la moglie Olinda Fava, i figli Francesco, Luca, Letizia (medico a Zurigo). Appassionatissimo di campagna, aveva fondato un’azienda agricola (L’Olinda) a San Marcello. In ottemperanza alle normative sanitarie nazionali non sarà celebrato il funerale, la salma sarà cremata come da sue ultime volontà poi la tumulazione delle ceneri nella chiesetta in mezzo agli ulivi che stava costruendo con i figli nella sua proprietà.

Il mondo della cultura piange il professor Antonio Ramini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X