facebook rss

Rotonda e sosta su piazzale San Carlo:
allo studio nuovi parcheggi
anche sull’area dell’ex tribunale

OSIMO - La questione discussa ieri sera in consiglio comunale. Il sindaco: "La rotatoria realizzata per mettere in sicurezza gli studenti". Le minoranze: "I bus continuano a fermarsi in via Molino Mensa"
venerdì 12 Maggio 2017 - Ore 19:17
Print Friendly, PDF & Email

Giovedì 11 maggio 2017, ore 13.30. Gli studenti dell’Iss ‘Laeng’ e dell’Itc Corridoni salgono sui bus fermi in via Molino Mensa. Il mezzo ha poi proseguito verso via Montefanese senza entrare nel piazzale San Carlo

L’acquisizione delle aree del piazzale del San Carlo nel patrimonio del Comune di Osimo e la rotatoria che campeggia al centro dell’area parcheggi, ieri sera, hanno animato la discussione nella Sala Gialla (leggi l’articolo). La delibera è stata approvata solo con i 13 voti di maggioranza, perché i 6 consiglieri delle liste civiche e la capogruppo del gruppo misto Maria Grazia Mariani hanno votato contro mentre si sono astenuti in 5, vale a dire i consiglieri Andrea Catena (Energia Nuova), Carlo Catena e Fabio Pasquinelli (L’Altra Osimo con la Sinistra) e David Monticelli e Sara Andreoli (M5S). Tutto il confronto si è incentrato sullo scopo della realizzazione della rotonda, che al momento non è utilizzata dai bus per far scendere gli studenti al centro del piazzale. Le correire continuano invece a fare la fermata che in via Molino Mensa, come testimonia la foto in alto, scattata ieri.

il sindaco Simone Pugnaloni (foto Giusy Marinelli)

Il sindaco Simone Pugnaloni nell’introdurre l’argomento ha ricordato che “sin dall’inizio del mandato c’era stato un colloquio con i padri Scalabriniani, proprietari del piazzale, per regolare i rapporti per l’area. Oggi votiamo l’atto finale che acquisisce nel nostro demanio le aree a titolo gratuito. Tutto è interconnesso al progetto di opere di miglioria che nel 2012 i costruttori che hanno investito sull’area dell’ex consorzio agrario, hanno deciso di fare”.

Pugnaloni non ha nascosto le critiche piovute “sulla rotatoria davanti all’entrata della chiesa del San Carlo e so che anche don Paolo Sconocchini, il parroco, è critico su questo fronte. Preciso però – ha aggiunto il primo cittadino di Osimo – che è vero che questa è una scelta eredita ma la condividiamo perché la rotatoria delimita un’area di sicurezza per gli studenti. Mentre prima gli studenti si fermavano lungo via Molino Mensa e in parte intralciavano la circolazione, oggi per evitare incidenti è stata realizzata la rotatoria. A breve incontrerò il parroco perché vorrei con lui un confronto per chiarire i contorni della vicenda. Il bus lascia infatti i ragazzi sulla destra e poi gira per la rotatoria. Le prove sono state fatte con gli autisti della Conerobus, i nostri tecnici hanno passato una mezza giornata con loro”.

La rotatoria davanti alla chiesa del San Carlo

Il parroco del San Carlo ha scritto una lettera al sindaco suggerendo di attivare almeno parcheggi a disco orario nei giorni festivi per garantire a chi va a messa di poter posteggiare senza problemi. Spesso invece accade che in quell’area vengano lasciate sugli stalli del piazzale oltre alle auto dei clienti diretti al nuovo centro commerciale anche i mezzi dei gitanti che partono in corriera. In aula il sindaco ha anche annunciato che presto il parcheggio sarà esteso all’area di sosta davanti all’ex tribunale (leggi l’articolo). “Vedremo di lavorare anche su un’altra area che gli Scalabriniani vogliono mettere a disposizione del Comune, quella dell’ex tribunale –  ha puntualizzato al microfono della Sala Gialla, Simone Pugnaloni – che potrebbe essere uno spazio dove coloro che organizzano gite e devono poter lasciare l’auto nel piazzale dell’ex tribunale, cosicché chi fa una sosta veloce per la messa o per il supermercato con un adeguato disco orario possano parcheggiare nel posteggio del San Carlo e in quello nuovo fatto a qualche centinaio di metri”.

Fabio Pasquinelli

Sono stati però critici i consiglieri di minoranza Fabio Pasquinelli, Maria Grazia Mariani e David Monticelli. Pasquinelli in particolare ha ribattuto sottolineando che “l’operazione è condivisibile perché gli spazi ad uso pubblico vanno inglobati nel patrimonio della pubblica amministrazione per renderli fruibili. Ma come questa operazione ce ne sono tante altre da portare a termine. Sulla questione della rotatoria di piazzale San Carlo, la verità è che gli autobus non ci girano e non ci passano e continuano a lasciare gli studenti in mezzo alla strada. La verità è che quella rotatoria è stata fatta per il nuovo supermercato non per gli studenti. Perchè i camion con le merci fanno fatica ad entrare nel centro commerciale e quindi imboccano quella rotatoria per fare manovra. Un’opera fatta e voluta dalla proprietà del centro commerciale. Questa rotatoria però danneggia tutti, anche la parrocchia”.

La consigliera Maria Grazia Mariani nella Sala Gialla

Maria Grazia Mariani si è accodata aggiungendo che “se le prove sono state fatte con gli autisti della Conerobus, sindaco lei deve sapere che la Conerobus lì non fa fermate, ma le effettua solo in via Montefanese. Li si fermano solo gli autobus Sacsa che avendo corriere lunghe 15 metri, non riescono a girare attorno alla rotatoria, proprio come ha detto Pasquinelli. Quindi non serviva la rotonda, bastava allargare il marciapiedi e si sarebbe risolto il problema con pochi spiccioli. Tutti sappiamo che la rotatoria, secondo il codice della strada, tra l’altro, è un intersezione a raso per 2 o piu strade e serve per snellire il traffico. Qualcuno ha letto l’ordinanza pubblicata della viabilità su quella zona? O è scritta male o l’ho capita male io. Ma è possibile che i veicoli in arrivo da via Molino Mensa debbano entrare in piazzale San Carlo e girare per la rotatoria? Rotatoria oltretutto costruita davanti all’ingresso della chiesa”. Anche David Monticelli si è detto convito che “se c’era da trovare soluzione di messa in sicurezza maggiore per gli studenti, si poteva trovare qualcosa di migliore. Si è sconvolto il senso storico del piazzale dove si parcheggiano le auto”

I due consiglieri grillini di Osimo, Sara Andreoli e David Monticelli

Prima della votazione il tecnico del Dipartimento del Territorio, l’architetto Maurizio Mercuri ha spiegato che “a seguito di una transazione di natura tributaria, legata a un contenzioso sorto tra il nostro Ufficio Tributi e la congregazione degli Scalabriniani, c’è stata la richiesta di regolarizzare le aree che risultavano intestate ai religiosi ma che non più nella loro disponibilità”.

Poi ha chiarito che la rotatoria in realtà “è solo una sistemazione dell’area parcheggio di sosta per permettere la fermata degli autobus che prima veniva eseguita in via Molino Mensa. E’ utile anche per evitare la sosta selvaggia che creerebbe impedimento definitivo alla manovra degli autobus. Anzi ora i parcheggi sul piazzale sono aumentati: ci sono 4 stalli in più rispetto al passato”.

Il piazzale davanti all’ex tribunale, al San Carlo di Osimo

Il sindaco, nelle dichiarazioni di voto, ha solo precisato che “il comodato gratuito dei campetti è la questione su cui si è chiusa la transazione, ma l’atto dell’uso pubblico del parcheggio è una cosa diversa che nulla c’entra con l’altra”.

(m.p.c.)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X