facebook rss

Amianto, il Comune presenta
la mappa del pericolo

FABRIANO - Concluso il censimento delle coperture e dei materiali edili contenenti amianto. L'incarico per oltre 28 mila euro, è stato dato a uno spin-off dell'Università degli Studi di Chieti. I dati saranno presentati lunedì 5 febbraio a palazzo del Podestà
Print Friendly, PDF & Email

palazzo del Podestà

L’amianto in città è stato censito. Nella fattispecie negli scorsi mesi è stata fatta un cernita delle coperture e dei materiali edili contenenti amianto in tutta l’area del comune di Fabriano. Ad occuparsene, la società Res.Gea srl , spin-off dell’Università degli studi “G. D’Annunzio” di Chieti, che realizza quest’attività attraverso l’utilizzo di metodologie ed algoritmi applicati alle immagini multi spettrali ad altissima risoluzione spaziale (dette ortofotografiche). Lo spin-off  universitario ha raccolto i dati e li ha inseriti in uno specifico database, si è occupato dell’elaborazione di immagini, ha applicato un algoritmo che permette di individuare le aree dove effettuare i controlli con i droni, ha individuato la presenza di amianto nei cosiddetti edifici sensibili quali scuole, centri sportivi, parchi pubblici, uffici postali e centri di aggregazione in genere presenti nel Comune di Fabriano. Costo dell’operazione: 28.914 euro relativi all’esercizio 2017. La cittadinanza potrà però sapere i dettagli di quest’attività. La presentazione dei dati della ricerca sarà fatta in un incontro pubblico lunedì 5 febbraio a Palazzo del Podestà. Con l’occasione, sarà proiettato il filmato “Asbeschool – stop amianto a scuola”, alle ore 18.00 nel Palazzo del Podestà. (S.B.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X