facebook rss

Pozzo dell’orrore:
scavi interrotti, almeno tre i corpi

PORTO RECANATI - Riprenderanno mercoledì o giovedì i lavori intorno al casolare abbandonato vicino all'Hotel House. I reperti finora trovati saranno analizzati per la comparazione del Dna, fino adesso gli inquirenti pensano che alcuni ossa possano appartenere a un bambino, altre ad un adulto e alcune a Camey, la 15enne scomparsa da Ancona nel 2010
Print Friendly, PDF & Email

Inquirenti al lavoro

 

Riprenderanno il 3 o 4 aprile gli scavi nel pozzo dell’orrore di Porto Recanati. I lavori, infatti, sono stati interrotti per le festività di Pasqua, e riprenderanno la settimana prossima, nella zona del condominio multietnico Hotel House. L’area è transennata.  I poliziotti continueranno nei prossimi giorni a setacciare la zona dove si trova un casolare abbandonato e un pozzo, perlustrato fino a 4 mt di profondità.

I reperti verranno analizzati per l’identificazione anche mediante gli esami del Dna. Vicino al pozzo sono state trovate diverse ossa, tra queste il bacino, un pezzo di mandibola con un dente, un omero, parti di colonna vertebrale. Sono di una persona adulta e di un bambino e non è escluso che possa trattarsi di un neonato o di un bimbo molto piccolo date le dimensioni ridotte. Dovranno però essere svolti accertamenti più approfonditi. Da capire anche se ci sia un legame tra i due corpi. Mentre nei giorni precedenti era stato trovato il pozzo, altre ossa e poi una scarpa bianca, una maglietta biancastra. Dalle prime ossa trovate si era parlato di un corpo esile, forse di una persona adolescente. L’ipotesi degli inquirenti è che le ossa possano appartenere a Cameyi, la bengalese di 15 anni scomparsa da Ancona nel 2010 e vista per l’ultima volta all’Hotel House dove era andata a trovare il fidanzatino dell’epoca.

https://www.cronacheancona.it/2018/04/01/il-legale-che-segui-il-caso-cameyi-volevamo-cercarla-con-un-detective-ci-fu-negato-di-vedere-il-fascicolo/93402/

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page