facebook rss

Omicidio di Ismaele Lulli,
ergastolo per chi lo uccise

ANCONA -La Corte d'assise d'appello di Ancona oggi ha confermato la pena più grave per Igli Meta e ha applicato la stessa a Marjo Mema condannato in primo grado a 28 anni e quattro mesi per l'uccisione del 17enne di Sant'Angelo in Vado
Print Friendly, PDF & Email

Ismaele Lulli

La Corte d’assise d’appello di Ancona oggi ha confermato l’ergastolo per Igli Meta e ha applicato la stessa pena per Marjo Mema condannato in primo grado a 28 anni e quattro mesi. Ha escluso la premeditazione ma ha riconosciuto l’aggravante della crudeltà e sevizie per l’accusa di concorso in omicidio volontario di Ismaele Lulli, 17enne di Sant’Angelo in Vado (Pesaro Urbino), sgozzato il 19 luglio 2015 per una relazione con la fidanzata di Meta. Quest’ultimo convinse la ragazza a mandare a Ismaele un messaggio per attirarlo a un appuntamento a cui si presentarono lui e Mema (la madre di quest’ultimo ha accusato un malore dopo il verdetto). Ismaele venne legato a una croce a San Martino in Selva di Sant’Angelo in Vado, accoltellato e sgozzato. Gli imputati, di origine albanese, hanno negato di aver sferrato la coltellata fatale. Quasi certo il ricorso in Cassazione delle difese. “Non posso dire di essere felice – ha detto Debora Lulli, madre di Ismaele – ma almeno mio figlio riposerà in pace”.

Ritrovata l’arma dell’omicidio di Ismaele Lulli

Sgozzato a 17 anni, la confessione di Meta: “Ho ucciso io”

Diciassettenne sgozzato, prime ammissioni dei due fermati

Diciassettenne sgozzato e buttato in un dirupo Interrogati due giovani

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X