facebook rss

Centro per l’Alzheimer,
al via i lavori

JESI - Si apre il cantiere per la realizzazione dell'immobile da costruire sull'area dell’ex asilo Cepi demolito per criticità di vulnerabilità sismica. La struttura ospiterà dai 15 ai 20 soggetti affetti da demenza degenerativa
Print Friendly, PDF & Email

L’area dove sorgerà il nuovo centro per l’Alzheimer di Jesi

Comincerà nel fine settimana l’allestimento del cantiere per la realizzazione del nuovo centro per l’Alzheimer di Jesi. Nascerà, come noto, dalle ceneri dell’ex asilo Cepi demolito per criticità di vulnerabilità sismica e sarà la struttura deputata ad ospitare dai 15 ai 20 soggetti affetti da questa demenza degenerativa.

Jesi, il rendering del nuovo cenntro per l’Alzheimer

«Di poco meno di un milione l’investimento previsto, 800 mila dei quali donati dal compianto vignettista ed umorista Cassio Morosetti. – fa sapere una nota del Comune di Jesi – In nove mesi di tempo la ditta aggiudicataria dell’appalto dovrà completare l’opera: un edificio di 600 mq., distribuiti su un unico piano, con fondamenta in calcestruzzo, struttura in legno e soluzioni architettoniche appositamente studiate tenendo conto della tipologia degli ospiti. Proprio per tale finalità, l’Amministrazione comunale si è avvalsa di una particolare consulenza tecnico specialistica: quella di Tesis, centro di ricerca sui sistemi e sulle tecnologie per le strutture sanitarie sociali e della formazione del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze». Il centro – che ha anche elaborato per la Regione Toscana le “linee guida per la progettazione di strutture assistenziali destinate ai malati di Alzheimer” – ha validato il progetto proposto per la struttura di Jesi ritenendolo perfettamente aderente alle finalità previste. La struttura sarà poi girata all’Asp Ambito 9 per l’affidamento in gestione.«Una volta ultimato l’intervento, si metterà mano anche all’area verde circostante e alla manutenzione stradale delle due vie laterali» chiude il comunicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X