facebook rss

Scappa dai domiciliari:
31enne arrestato per la terza volta
in meno di 48 ore

ANCONA - Si tratta dell'uomo che domenica mattina è stato il protagonista della folle fuga a tutta velocità per le vie del capoluogo, rischiando anche di investire un carabiniere. Ieri sera ha eluso il provvedimento del giudice: è stato intercettato dal suo avvocato al Piano e ammanettato dalla polizia
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Arrestato tre volte in meno di 48 ore. E’ il record di un 31enne residente a Montegiorgio, ma domiciliato nel capoluogo dorico. L’uomo domenica mattina era stato arrestato dai carabinieri dopo un inseguimento da brividi iniziato al viale della Vittoria e terminato in A14, tra i caselli di Ancona nord e Ancona sud. Per entrare, il 31enne aveva completamente divelto la sbarra del casello. Era stato fermato dopo percorsi contromano, passaggi con il rosso e un tentativo di speronamento nei confronti della gazzella di servizio. Il capitano della Compagnia era rimasto leggermente ferito. Collocato ai domiciliari in attesa della direttissima, il 31enne era evaso per andare al bar. Dunque, era scattato il secondo arresto. Ieri mattina, il giudice li ha convalidati entrambi, adottando come misura cautelare gli arresti domiciliari da mantenere fino al 19 novembre, data d’inizio del processo. In serata, però, il 31enne ha lasciato la sua abitazione, in via Ascoli Piceno. Sono stati i genitori, una volta arrivati dal Fermano ad Ancona, a scoprire che il figlio non si trovava a casa. Di lì, è stato lanciato l’allarme. Si è mosso anche l’avvocato difensore nelle ricerche. Il fuggitivo è stato rintracciato a piazza Ugo Bassi. L’avvocato, una volta visto il cliente, ha cercato di bloccarlo ma il 31enne ha iniziato a correre. Alla fine, è stato bloccato definitivamente da una volante della questura. E’ stato portato in una cella di sicurezza in attesa della direttissima prevista per domattina in tribunale.

Tenta di investire un carabiniere, poi fugge per mezza città: 31enne arrestato in autostrada

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X