facebook rss

Nuovo decreto anti-Covid:
vaccino obbligatorio per gli over 50

L'OK ALL'UNANIMITA' è arrivato dal Consiglio dei ministri in serata. A scuola cambiano le quarantene a seconda delle classi. Green pass base per negozi (esclusi gli alimentari), parrucchieri, posta e banca
Print Friendly, PDF & Email

Piediripa_CentroVaccini_FF-3-650x434

 

 

Il decreto della vigilia dell’Epifania porta con sé una rivoluzione: sopra i 50 anni è d’obbligo la vaccinazione. La misura che il governo ha approvato all’unanimità è stata presa questa sera al termine del consiglio dei ministri. Cambiano le regole delle quarantene a scuola.

LE NUOVE MISURE – Scatta l’obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni. Un provvedimento che è stato preso, si legge nella bozza del decreto, per “tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza”.

Pres_Draghi_biografia-Copia

Il premier Mario Draghi

Vale per tutti i residenti in Italia. Sono esentate le persone che abbiano patologie tali da sconsigliare la vaccinazione e devono essere accertate dal proprio medico o dal medico vaccinatore. Per chi non lavora la durata dell’obbligo è fino al 15 giugno. Per chi lavora, sia nel pubblico che nel privato, l’obbligo parte dal 15 febbraio. Senza super green pass, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, possono essere sospesi per un periodo non superiore a dieci giorni e rinnovabili fino al 31 marzo 2022, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del posto di lavoro.

PASS BASE DAL PARRUCCHIERE, IN BANCA E AL CENTRO COMMERCIALE – Non passa la proposta del Super green pass per accedere a negozi e servizi: dai centri commerciali a parrucchieri, estetiste, alla posta o in banca e nei vari uffici pubblici (che doveva valere sia per chi lavorava che per gli utenti). A differenza di quanto discusso nel corso della cabina di regia, basterà il green pass base. Per entrare nei negozi di alimentari non servirà la certificazione verde.

scuola-covidSCUOLA – Cambiano le regole sulle quarantene. E sono di tre tipi a seconda della classe che si frequenta. Alla materna basta un contagiato in classe per andare in quarantena. Ne servono due alle elementari e tre per gli studenti dai 12 anni in su. La Dad non scatta immediatamente per nessuno, ma solo se c’è più di un caso (più di due alle superiori) in classe. I tamponi di controllo possono essere sia molecolari che antigenici, o rapidi. Alla materna la quarantena prevista è di sette giorni, con tampone molecolare o antigenico per il rientro in presenza. Per i bambini dai 6 agli 11 anni, se c’è un caso covid la classe resta in presenza in autosorveglianza (con la raccomandazione di non frequentare altre attività pomeridiane prima di aver eseguito un test anche antigenico). Al secondo caso entro dieci giorni nella stessa classe scatta la quarantena per tutti i compagni: dieci giorni a casa in Dad. Il ritorno in classe è previsto con un test antigenico o molecolare che deve essere effettuato tra il quinto e il settimo giorno. Infine per chi ha tra i 12 e i 19 anni: fino a due casi in una classe si resta a scuola in presenza e in autosorveglianza. Con tre casi (entro dieci giorni dal primo) solo i vaccinati resterebbero in presenza e monitorati, i non vaccinati andrebbero in Dad. Dal quarto caso, tutti andranno in dad.

MULTE – Chi ha più di 50 anni e viene sorpreso senza green pass rafforzato rischia 100 euro di multa. I lavoratori che non hanno il green pass base oppure rafforzato hanno cinque giorni di assenza giustificata e dopo scatta la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio. Chi viene sorpreso al lavoro senza green pass rischia una multa da 600 a 1.500 euro. Stessa sanzione anche per i lavoratori con più di 50 anni. Chi deve controllare i dipendenti e non ottempera a questa funzione rischia una multa da 400 a 1.000 euro. La stessa sanzione scatta anche per i clienti di esercizi commerciali, bar e ristoranti, ma anche di luoghi dello spettacolo sorpresi senza green pass. Per i locali pubblici che non controllano la certificazione rafforzata dopo tre sanzioni può scattare anche la chiusura fino a dieci giorni.

 



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X