facebook rss

Variante a nord, approvato
l’atto di indirizzo per il tracciato:
costo stimato 50 milioni di euro

OSIMO - La delibera assunta dalla giunta comunale permetterà di sottoporre il progetto alla richiesta di finanziamento pubblico. La nuova strada, lunga 7,3 km e a due corsie, prevede una galleria sotto via Chiaravallese e almeno tre rotatorie negli incroci con via Pignocco, via Gattuccio e via Linguetta
Print Friendly, PDF & Email

 

La giunta comunale di Osimo ha approvato, con tanto di relazione tecnica e quadro economico, un atto di indirizzo politico amministrativo per la realizzazione del tracciato di variante a nord della strada regionale 361 Septempedana da sottoporre a richiesta di finanziamento pubblico.

Simone Pugnaloni

«Osimo ha un territorio complessivo di 105 km quadrati e una popolazione di 35mila abitanti, – ricorda in una nota il sindaco Simone Pugnaloni – necessita quindi di una variante alla Sr 361 che attualmente attraversa il centro abitato, con impatti negativi sia per i residenti che per gli automobilisti lungo la connessione tra l’entroterra maceratese e la fascia costiera e il capoluogo di regione. Il Prg del 1998 prevedeva un percorso alternativo a sud del centro storico a margine di aree urbanizzate. Una previsione confermata dalla variante generale al Prg del 2008, per la quale l’esecuzione dell’opera viaria era a carico dei privati lottizzanti. Considerando però l’arresto dello sviluppo edilizio, e la perdurante crisi economica internazionale, è difficile ipotizzare a breve una compiuta esecuzione di quel tracciato pensato a sud della città».

Al contrario, visto che nel 1992 l’Anas, su progetto dell’ingegner Giorgio Sensini, aveva già predisposto una soluzione di variante a nord del centro storico di Osimo, con inserimento dell’opera nei programmi di investimento nazionale, l’amministrazione comunale intende ora riproporre quella ipotesi.«Adeguandola, + ovvio, alle mutate situazioni di contesto, – evidenzia Pugnaloni – come ad esempio le nuove urbanizzazioni ma anche le opere stradali realizzate o in corso di realizzazione, ovvero il bypass di Padiglione, o in fase di progettazione, come la bretella tra via Sbrozzola e la stessa sr Septempedana a San Biagio. Le due opere viarie in questione rappresenteranno rispettivamente la parte conclusiva e l’innesto iniziale della variante a nord, da via Linguetta a via Pignocco».

Osimo, via Linguetta (foto d’archivio)

La relazione tecnica realizzata dagli uffici comunali e approvata dalla giunta, ritiene accettabile l’ipotesi del tracciato dal punto di vista morfologico e ambientale, comunque da confermate con la Vas.«La scelta della variante a nord è scaturita dopo una attenta analisi per la comparazione tecnico economica dei tracciati possibili, – aggiunge il primo cittadino di Osimo – valutando anche il minor frazionamento delle proprietà relativamente agli espropri e verificando le caratteristiche del tipo di sezione stradale. La relazione tecnica, proprio per agevolare il collegamento Ancona – Macerata, sollecita a prevedere nel futuro progetto di fattibilità una parte del tracciato in galleria, a ovest di rione Borgo San Giacomo (sotto via Chiaravallese), anche per questioni di tutela del paesaggio, maggiore efficienza viaria e ridotto impatto acustico. Le altre intersezioni lungo il tracciato, almeno tre (in via Pignocco, via Gattuccio e via Linguetta) saranno regolamentate da rotatorie».

La strada prevista da questa prima relazione tecnica sarà di categoria C2, ovvero extraurbana secondaria (velocità massima in alcuni tratti di 90 km/h), lunga 7,3 km e con due corsie da 3,50 metri ognuna, oltre a banchina di 1,25 metri per una larghezza complessiva di 9,50 mt. Il quadro economico approvato dalla giunta prevede una spesa complessiva di 50 milioni di euro, compresa progettazione ed Iva. L’importo delle opere sarà inserito negli strumenti di programmazione del Comune solo a seguito di eventuale ammissione a finanziamento. Da questo punto di vista, la delibera autorizza ora il sindaco Pugnaloni a candidare il progetto presso gli eventuali canali di finanziamento che si dovessero rendere disponibili. In questo senso ha già avviato contatti nei mesi scorsi con il competente ministero e Anas stessa. L’atto di indirizzo approvato dalla giunta non consente solo di avviare la ricerca dei fondi ma anche la trascrizione del tracciato nel Prg vigente con una apposita variante.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X