facebook rss

Chiusura del Punto nascita,
il vertice in Regione
tra diffide e lettere al ministro

FABRIANO - Domani i sindaci dellì'area montana saranno ad Ancona per incontrare il presidente Ceriscioli. Il coordinamento di cittadini e l'associazione Fabriano Pogressista hanno sollecitato una moratoria a Giulia Grillo mentre il sindaco Gabriele Santarelli ha inviato una diffida legale all'Asur per tutelare la salute delle gestanti
Print Friendly, PDF & Email

I sindaci presenti alla manifestazione di due settimane fa

Le mamme del coordinamento nato per la difesa dell’ospedale Profili e l’Associazione Fabriano Progressista scrivono al ministro Grillo sollecitando una moratoria alla chiusura definitiva del punto nascita di Fabriano. Una richiesta inviata, per conoscenza anche al governatore delle Marche. Per tutelare la salute delle gestanti, invece, il sindaco Gabriele Santarelli ha spedito la scorsa settimana una diffida a procedere all’Asur. Con queste novità, domani pomeriggio, i sindaci dell’area montana, che si stanno battendo per la salvaguardia del reparto di Ostetricia dell’ospedale ‘Profili’, si presenteranno al tavolo di confronto con il presidente della giunta regionale, Luca Ceriscioli, nella speranza di muoverlo a ripensamenti e per strappargli un sì su una possibile proroga dei tempi di chiusura.

Una nuova dilazione temporale permetterebbe di attendere la rimodulazione dell’accordo Stato-Regioni annunciato dallo stesso ministro, sul dato numerico dei parti annui da far scendere secondo l’ipotesi paventata da 500 a 350 nei Punti Nascita. Al Comitato tecnico ministeriale percorso nascite è stato chiesto di rivedere la materia, in linea con gli orientamenti manifestati dal ministro Giulia Grillo, entro la fine di marzo. La criticità della rete stradale di Fabriano, con i cantieri della Quadrilatero fermi, rischia di ingenerare un vortice di ansia tra le future mamme, è stato ribadito anche nella lettera destinata alla ministra della Salute.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page