facebook rss

Nuovo atto vandalico sulla tomba
di Dino Di Michelangelo

CHIETI - Il poliziotto del Commissariato di Osimo, è morto con la moglie Marina sotto la valanga di Rigopiano. Nel cimitero di Chieti, dove riposa, qualcuno ha sbarabocchiato un biglietto lasciato dai familiari per chiedere rispetto dopo il precedente furto di oggetti-ricordo
Print Friendly, PDF & Email

Il biglietto lasciato sulla tomba dai familiari di Dino Di Michelangelo, scarabocchiato da ignoti

 

«Ci sono persone che non andrebbero chiamate tali. Ma anche paragonarle agli animali sarebbe sbagliato. E questa gente le mani a posto non le ha tenute e neanche il cuore. Perché “quel cuore” si è spostato ed è caduto nella spazzatura. Intanto una mamma piange ininterrottamente da stamattina. E non c’è un perché a gesti simili. Solo cattiveria». Dopo il furto avvenuto pochi mesi dal funerale di oggetti-ricordo lasciati dal nipote, ancora un atto vandalico  sulla tomba di Dino Di Michelangelo a Chieti. Nei giorni scorsi qualcuno ha scarabocchiato il biglietto scritto dai familiari per chiedere rispetto di quel sepolcro. Il poliziotto teatino ma residente ad Osimo, è morto con la moglie Marina Serraiocco il 18 gennaio 2017 sotto la valanga di Rigopiano. La denuncia ed il dispiacere per il reiterarsi di un gesto poco consono alla sacralità del luogo, il cimitero, e irrispettoso della memoria di una persona scomparsa prematuramente in circostanze tragiche, sono stati raccontati sui social media dagli stessi familiari  e amici dell’agente del Commissariato di Ps di Osimo. Nella giornata di ieri, l’avvocato Romolo Reboa che, insieme ai legali Gabriele Germano, Massimo Reboa, Silvia Rodaro, Maurizio Sangermano e Roberta Verginelli, assiste le famiglie di quattro vittime della tragedia avvenuta sul Gran Sasso, si è fatto anche portavoce dello choc vissuto dai parenti dopo la notizia della messa all’asta e vendita, lo scorso 30 ottobre, di pregiate bottiglie di vino dell’Hotel Rigopiano di Farindola dove persero la vita in 29.

Ladri senza cuore rubano il cestino di fiori davanti al negozio di Marina

Tragedia di Rigopiano, ladri senza pietà: furto sulla tomba di Dino Spariti i ricordi lasciati dal nipote

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page