facebook rss

Si presentano 46 candidati
al primo concorso pubblico
dopo l’emergenza Covid

JESI – Oggi ala PalaTriccoli le prime prove d’esame, con banchi distanziati e mascherine, per i 3 posti da part time a servizio dei musei civici
Print Friendly, PDF & Email

Il concorso al PalaTriccoli di Jesi

 

Quello che si tiene oggi al palasport “Ezio Triccoli” di Jesi sarà ricordato come uno dei primi concorsi pubblici in Italia dopo l’emergenza Covid. A seguito della pandemia, infatti, era stata disposta la sospensione di tutti i concorsi nel nostro paese.«Per il nostro Comune – fa sapere una nota stampa dell’amministrazione comunale di Jeis – tale situazione aveva rinviato diverse procedure concorsuali. A cominciare dalle prime prove per il concorso per 3 posti da part time a servizio dei musei civici. In 46 i candidati che si sono presentati sui 57 che avevano superato la selezione per le due prove scritte, una il mattino, l’altra il pomeriggio. Con ingresso contingentato, muniti di dispositivi di protezione personale ed opportunamente distanziati, i candidati sono stati fatti accomodare in banchi allestiti nel campo principale del Palasport sotto il controllo della commissione di concorso».

Prossimi appuntamenti saranno le prove scritta e orale per la procedura concorsuale relativa ai tre posti di istruttore direttivo amministrativo contabile (cat. D) da assegnare alle tre Aree (Affari Generali, Servizi al Cittadino e Servizi Tecnici) dove sono stati ammessi, dopo la pre-selezione., 52 candidati. «Per ciò che riguarda, invece, la preselezione per gli 8 posti di cat. C, di cui uno riservato al Comune di Maiolati Spontini, si attendono ulteriori disposizione in funzione dell’elevato numero dei partecipanti che ammontano ad oltre 1.600» conclude il comunicato.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X