facebook rss

Acque nere nel torrente Rubbiano:
denunciato allevatore di suini

MONTEMARCIANO - I carabinieri forestali sono intervenuti tra Marina e il mare: non ci sono state morie di pesci ma sono comparse evidenti pozze di liquami fuoriuscite da una condotta utilizzata per l'attività di fertirrigazione
martedì 14 marzo 2017 - Ore 20:15
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri forestali di Jesi ieri sono intervenuti si segnalazione di alcuni cittadini allarmati dalla comparsa di acque nere e maleodoranti nel tratto finale del torrente Rubbiano, a Marina di Montemarciano ed il mare. Giunti sul posto i militari hanno notato le acque scurissime presenti alla foce del torrente, pertanto hanno iniziato la risalita del corso d’acqua per individuare la provenienza dell’inquinamento e contestualmente hanno richiesto l’ausilio dell’Arpam di Ancona, per effettuare i campionamenti e le analisi del caso.

In tarda serata è stata individuata la causa dello sversamento, riconducibile alla rottura di una condotta utilizzata per effettuare attività di fertirrigazione da parte di un allevatore locale di suini, nel tratto fluviale compreso tra Marina di Montemarciano e la parte alta del paese. Il responsabile legale è stato denunciato per i reati di deturpamento di bellezze naturali, danneggiamento aggravato di acque pubbliche e attività di utilizzazione agronomica scorretta.

Stamattina i carabinieri forestali di Ancona sono tornati sul posto per accertare lo stato dell’ecosistema fluviale ed eventuali morie di pesci cagionate da potenziali situazioni di anossia, ed effettuare ulteriori rilievi inerenti le cause dello sversamento e lo stato della condotta che ha causato il vasto inquinamento fluviale. Ad esito degli accertamenti odierni non sono state individuate morie di pesci, tuttavia attorno alla condotta danneggiata risultavano ancora presenti evidenti pozze di liquami fuoriuscite nella giornata di ieri, che stagnavano sul terreno. In attesa dell’esito delle analisi dell’Arpam, allo stato attuale la situazione ambientale appare sotto controllo e l’inquinamento non risulta più in atto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X