facebook rss

Corruzione, la procura chiede 4 anni
per l’ex dg Banca Marche Massimo Bianconi

PROCESSO - Sono arrivate questa mattina le richieste di condanna nell'ambito del processo che vede l'ex direttore coimputato per corruzione tra privati, procedimento costola del crac Bm. Per l'accusa, devono essere inflitti 3 anni a Degennaro e 2 anni e 8 mesi a Casale
venerdì 12 Gennaio 2018 - Ore 15:46
Print Friendly, PDF & Email

 

Quattro anni a Massimo Bianconi, tre anni a Davide Degennaro e 2 anni e 8 mesi a Vittorio Casale. Sono queste le pene chieste dalla procura dorica per l’ex direttore generale di Banca Marche e i due imprenditori finiti a processo con l’accusa di corruzione tra privati. A formulare la requisitoria che ha ripercorso i fatti accaduti tra il 2010 e il 2012 sono stati questi mattina i pm Andrea Laurino, Serena Bizzarri e Marco Pucilli, gli stessi magistrati che si occupano anche del crac milionario dell’istituto di credito, un procedimento ancora non arrivato a dibattimento e per il quale ci sono 16 indagati. Per lo stralcio della corruzione, che ruota attorno a un presunto scambio di favori tra i tre imputati, non c’è stata sentenza.

Da destra, Massimo Bianconi, Renato Borzone e Davide Degennaro nel tribunale di Ancona in una delle precedenti udienze del processo stralcio  Bm

Arriverà probabilmente il 24 gennaio, dopo le arringhe delle difese. Oggi c’è stato solo tempo per la discussione dell’accusa e delle parti civili, rappresentate dall’old bank e dalla new company di Bdm che hanno inoltrato le richieste risarcitorie contro i due manager (su Bianconi  è stata avviata un’azione di responsabilità civile del valore di 200 milioni di euro): la nuova banca ha chiesto danni complessivi per 17,5 milioni di euro, mentre la vecchia circa 5,5 milioni. Secondo la procura, i presunti affari illeciti tra il trio sarebbero passati attraverso l’apertura di linee di credito e la compravendita di un immobile in via Archimede, ai Parioli di Roma. Durante una delle scorse udienze, sia Banconi (sempre presente in udienza) che Degennaro avevano rigettato le accuse rispondendo alle domande dei pm. L’ex dg aveva ricostruito tutta la filiera che lavora attorno alle richieste di credito, affermando come non fosse lui  a proporre direttamente le pratiche, prese in considerazione da uffici e manager al di sotto della sua persona. L’imprenditore barese, invece, aveva detto di non aver mai conosciuto di persona Bianconi prima dell’avvio del processo in corso di svolgimento e vicino alla chiusura.

Banca Marche, parla Bianconi: «I finanziamenti li proponeva Vallesi, io mi limitavo a firmare»

Print Friendly, PDF & Email


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X