facebook rss

Si spacciano per incaricati
alla vendita dei calendari della Croce gialla
per derubare gli anziani, due arresti

ANCONA - Fondamentale per la cattura dei due uomini osimani l'identikit dettagliato fornito da un'anziana finita nella trappola dei due malviventi e che ha dato l'allarme alla polizia. L'appello della Croce gialla: «Diffidate da chiunque dica di essere dell'associazione, da anni non facciamo più la raccolta di offerte porta a porta per la vendita dei calendari»
Print Friendly, PDF & Email

L’arresto nel quartiere del Piano

 

Sfilano i calendari della Croce gialla dalle cassette della posta per rivenderli, truffare e derubare anziani e condomini del palazzi. Arrestati due osimani, tossicodipendenti e già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, la persona e stupefacenti. Sono un 48enne, F.L., ed un 23enne, F. N.. Fondamentale per la cattura dei due uomini da parte degli agenti delle Volanti di Ancona, la descrizione dettagliata dei due soggetti fatta da un’anziana signora, residente in via Scrima, vittima della truffa dei due.

Tutto è accaduto nel pomeriggio di ieri (15 dicembre), quando la donna ha contattato il 113 dicendo di essere stata derubata da due uomini. I due avevano suonato alla porta della signora spacciandosi come volontari della croce gialla, in giro tra quartieri e palazzi per chiedere le offerte per i calendari 2019, attività che viene svolta di sovente durante il periodo delle festività natalizie da parte di molte associazioni benefiche.

La donna, credendo alla versione dei due uomini che avevano effettivamente in mano i calendari della Croce gialla, ha accettato di buon grado di fare un’offerta, dando ai due circa 6 euro, in cambio del calendario. Poco dopo che i due avevano lasciato la casa, subito è scattato il sospetto nell’anziana che ha visto che i due uomini non stavano bussando agli altri appartamenti per vendere i calendari, ma stavano lasciando frettolosamente il palazzo, correndo per le scale. È proprio in quel momento che l’anziana si è accorta che dal mobile del soggiorno mancavano 50 euro che in genere teneva sotto ad un peluche. Riflettendo ancora, la donna ha ripensato che nella cassetta della posta dedicata alla pubblicità del condominio, la mattina, aveva visto proprio i calendari della croce gialla.

Non c’è voluto altro alla donna per capire di essere stata raggirata dai due uomini. E subito ha dato l’allarme alla polizia, descrivendo minuziosamente i due malviventi. «Quello più anziano è sdentato ed ha un giaccone con una banda orizzontale chiara all’altezza del petto − ha detto agli agenti che hanno cercato di tranquillizzarla al telefono −, quello più giovane ha invece un cappuccio o una sciarpa e capelli corti con un ciuffetto più alto davanti».

È scattata così la caccia all’uomo, durata poche ore. E poco dopo gli agenti delle Volanti hanno notato in via Colombo due soggetti noti alle forze di polizia per essere tossicodipendenti e pregiudicati che uscivano fugacemente da un negozio, perfettamente somiglianti ai due ladri. È stata proprio l’anziana derubata a riconoscerli, assistendo casualmente alla scena, visto che era uscita di casa con i familiari dopo la paura del furto. «Sono stati loro che mi hanno rubato 50 euro che avevo sul mobile del soggiorno» ha detto la donna avvicinandosi ai poliziotti.

La polizia, dopo aver appurato che nessun incarico della Croce gialla stava nel pomeriggio di ieri consegnando i calendari, ha arrestato i due uomini oltre che per il furto in abitazione anche per la truffa ai danni della signora, aggravata dalla minorata difesa atteso che la donna era anche invalida. Il denaro rinvenuto nei portafogli dei due uomini, 85 euro, veniva sequestrato in quanto ritenuto frutto dell’attività illecita.

Nella mattina di oggi (16 dicembre), un comunicato ufficiale della Croce gialla, avverte che da anni l’associazione non effettua più il porta a porta per la consegna dei calendari, ma ha incaricato una società esterna per la consegna tramite posta ai cittadini anconetani del calendario. «All’interno del calendario − specificano dalla croce gialla − è presente un bollettino con le coordinate bancarie o postali per effettuare una donazione all’associazione. Come Croce gialla, dunque − prosegue il comunicato − invitiamo a diffidare di chiunque si presenti alle porte delle case con i nostri calendari in mano, spacciandosi per un incaricato della nostra associazione. Purtroppo − conclude l’associazione −, essendo i calendari lasciati nelle cassette della posta può capitare che qualche male intenzionato li rubi per farne un uso illecito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X