facebook rss

Inaugurate le Mercantini 2.0
tra bolle di sapone e mostra amarcord (Foto/Video)

ANCONA – La struttura che ospiterà le scuole primarie e dell'infanzia di Palombina riaprirà i battenti da settembre, ma intanto oggi si è celebrata la rinascita dell'istituto, con tanto di benedizione e taglio del nastro. Mancinelli: «viene voglia di tornare piccoli»
sabato 15 Giugno 2019 - Ore 21:51
Print Friendly, PDF & Email

 

di Martina Marinangeli

(foto e video di Giusy Marinelli)

 

«A vedere questo edificio, viene voglia di tornare piccoli per poter frequentare una scuola così». E non ha tutti i torti  la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, che oggi (15 giugno) ha inaugurato le nuove scuole Mercantini di Palombina, struttura colorata e moderna, pronta a riaprire i battenti da settembre. Le scosse del 2016 avevano reso la struttura inagibile, e pareva fosse giunto il momento dei titoli di coda. Invece l’istituto è risorto in un edificio talmente all’avanguardia e sicuro da poter ospitare le attività della protezione civile in caso di calamità. All’inaugurazione delle scuole primarie e dell’infanzia 2.0 di Palombina – con benedizione del parroco e taglio del nastro –, erano presenti alunni, genitori, insegnanti e abitanti del quartiere, che si sono battuti ed hanno collaborato con l’amministrazione comunale per riavere indietro un istituto da sempre cuore ed anima della comunità.

«La realizzazione delle nuove Mercantini – ha aggiunto Mancinelli prima di tagliare il nastro – è stata vissuta, discussa e condivisa in assemblee aperte, con un impegno costruttivo da parte di tutti. Oggi c’è la soddisfazione di aver mantenuto l’impegno». Insieme alla prima cittadina, il vicesindaco Pierpaolo Sediari, l’assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Manarini (con il titolare della delega che l’ha preceduto, Maurizio Urbinati, presente nelle prime, difficili fasi dell’iter) l’assessore alle Politiche Educative, Tiziana Borini, quello alle Manutenzioni, Stefano Foresi, la dirigente scolastica Maria Costanza Petrini, e Francesco Subissati, il titolare della ditta omonima che ha eseguito i lavori. Dopo la benedizione di don Claudio ed il coro dei piccoli alunni intonato per salutare la loro nuova scuola, è iniziata la visita della struttura, con tanto di rinfresco. Per i più piccoli, è andato anche in scena lo spettacolo del Ballo delle bolle, mentre gli adulti si sono concessi un amarcord con la mostra fotografica a cura di un gruppo di residenti del quartiere che ha raccolto immagini della storia passata delle Mercantini. Consegnato anche un kit scuola con zaino e borracce per iniziare il nuovo corso all’insegna del plastic free. «è un sogno che finalmente si è realizzato», commenta Manuela Innamorati, che dal 1991 insegna alle Mercantini ed ha vissuto il lungo e tortuoso iter che ha portato fino all’inaugurazione di oggi.

La struttura 2.0 è completamente in legno, ed è costata complessivamente 2 milioni di euro. A livello antisismico, le Mercantini appartengono alla classe 4 e saranno dotate di impianto di riscaldamento all’avanguardia e di illuminazione a led, il tutto alimentato con il fotovoltaico. La scuola sarà disposta su due piani: al piano terra sono previsti la sala mensa, la scuola dell’infanzia Sirenetta e spazi comuni, mentre al primo piano troveranno sistemazione la primaria Mercantini e ulteriori spazi di condivisione, per un’estensione totale di 1334 mq.

Nuove scuole Mercantini, domani il taglio del nastro

Nuove Mercantini, strada riaperta «Inaugurazione scuole entro maggio» (FOTO)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X