facebook rss

Coronavirus, stop alle messe
e funerali in forma ristretta

ALLARME - La conferenza dei vescovi delle Marche si adegua all'ordinanza della Regione. Sospese le benedizioni pasquali alle famiglie, il catechismo e le attività negli oratori. Chiese aperte per il culto e la preghiera personale. «Preghiamo per i malati e per chi si adopera a limitare le conseguenze»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Effetto a catena dopo l’ordinanza emanata questa sera dalla Regione. Dopo le scuole si fermano le messe. Chiese aperte al culto e alla preghiera individuale ma niente celebrazioni eucaristiche. Sospese le benedizioni pasquali alle famiglie, gli incontri di catechismo e dei gruppi parrocchiali, le attività di oratorio, di dopo-scuola, sportive, teatrali, cinematografiche e ogni genere di aggregazione. E persino per i funerali i vescovi delle Marche suggeriscono di limitarsi al rito delle esequie nella forma breve e con i parenti stretti.
A rendere note le disposizioni è la conferenza episcopale che raccomanda di attenersi sempre a criteri di prudenza, evitando in ogni modo concentrazione di persone in volumi ristretti e per lungo tempo. Confermate le modalità messe in atto già nei giorni scorsi. «Nelle Sante Messe anche private si ometta il segno di pace e si riceva la Santa Comunione sulla mano, e non in bocca. Si tolga l’acqua benedetta dalle acquasantiere». La conferenza episcopale prevede anche che i servizi della Caritas diocesana e delle Caritas parrocchiali che prevedono contatto con il pubblico siano sospesi. «Siamo tutti interessati  – si legge in una nota – ad affrontare con determinazione, senza panico né leggerezza, una situazione che chiede vigilanza e senso del bene comune. Sperimentiamo tutti la nostra debolezza e fragilità. Proviamo paura e come sempre questa chiede risposte serie e unitarie, per trovare le soluzioni più efficaci per tutti, con la massima attenzione ma senza allarmismi. Molte nostre riunioni non si potranno svolgere. Questo ci aiuterà a comprenderne il valore con maggiore profondità e ad avere più tempo per la riflessione e la preghiera personale. Sentiamo la vicinanza premurosa di Gesù, medico buono degli uomini, del quale sperimentiamo la solidarietà e la protezione. In questo periodo non potremo riunirci fisicamente per le celebrazioni nei nostri luoghi abituali. Cerchiamo di vivere questo tempo forte di Quaresima in unità di cuori e di preghiera, ricordando soprattutto i malati, quanti sono colpiti dal Coronavirus e quanti in modi diversi si adoperano per limitarne le conseguenze, in particolare il personale sanitario e di ricerca scientifica».

(redazione CM)

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page